Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Lavoro, in Trentino nel 2024 assunzioni in frenata: i dati

Grosselli (Cgil): "Preoccupa il calo del lavoro stabile, anche tra i giovani, e il rallentamento nell’industria"

Trento - L’occupazione trentina rallenta. Ad aprile le assunzioni sono scese del 7.6% secondo il report di Agenzia del Lavoro, pari a 900 unità. Il calo più marcato riguarda i pubblici esercizi, sicuramente anche per la Pasqua caduta quest’anno a fine marzo. A far riflettere è, però, il dato sui primi quattro mesi dell’anno: tra gennaio ed aprile il numero di nuove assunzioni si è ridotto del 2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il ridimensionamento più significativo per numero di occupati e percentuale è l’industria in senso stretto dove, di fatto, si perdono in quattro mesi 465 nuovi contratti, pari al -10.7%. Anche nei servizi alle imprese il calo è significativo e raggiunge nei primi quattro mesi dell’anno il -4,7%.

Si riducono le assunzioni e corrono più veloci le cessazioni, il saldo occupazionale dunque è negativo. E’ particolarmente significativa la contrazione dell’occupazione stabile. Calano i contratti a tempo indeterminato (-4.4% tra gennaio e aprile), dell’apprendistato, dunque, occupazione stabile per i giovani (-14.3%) e le trasformazioni dei contratti temporanei a tempo indeterminato (-13.8%).

Questi dati vanno letti come un campanello d’allarme da non sottovalutare.
Se è vero che il mercato del lavoro trentino tiene e il livello di disoccupazione è contenuto, è altrettanto vero che ci sono dei segnali di preoccupazione. Cogliamo in particolare il rallentamento dell’industria, che si conferma di mese in mese, e anche il calo del lavoro stabile. Dunque oltre ad un problema di numeri abbiamo un problema di qualità dell’occupazione che si lega a filo doppio con un problema di retribuzioni. Il lavoro cala nei settori dove è remunerato meglio e aumenta il lavoro precario, per definizione meno pagato”, commenta il segretario provinciale della Cgil Andrea Grosselli che insiste ancora una volta sulla necessità di cambiare le politiche industriali e le misure di sostegno alle imprese.

“Fino a quando si continueranno a finanziare alla stessa maniera e senza una vera selettività imprese che aumentano il proprio valore aggiunto grazie allo sviluppo di nuovi processi e nuove tecnologie e imprese che hanno scarsi investimenti e bassa propensione all'innovazione, finché si privilegeranno i contributi verso le micro imprese, finché si sprecheranno 80 milioni di euro l'anno in sgravi Irap a pioggia, il nostro tessuto economico non recupererà produttività rischiando di diventare marginale rispetto allo sviluppo del sistema industriale europeo. Ne consegue che, come ormai abbiamo appreso a tutti i tavoli di confronto, le retribuzioni difficilmente aumenteranno il proprio potere d'acquisto come nel nord Europa e si continuerà a non attrarre manodopera qualificata, alimentando un circolo vizioso che imbriglia la crescita del Trentino”, conclude Grosselli.
Ultimo aggiornamento: 04/07/2024 07:16:43
POTREBBE INTERESSARTI
Grande partecipazione all'incontro sul tema "Silter Dop: un formaggio prodotto nelle malghe di due parchi”
Non ci sono le condizioni di sicurezza per percorrere lo spettacolare itinerario
Sono 43 i richiesti a Corteno Golgi e 29 a Cedegolo
E' in programma venerdì 26 luglio, prenotazioni entro mercoledì
Riflessione, immersione e creazione con le opere di Fondazione Caritro
ULTIME NOTIZIE
Rogno (Bergamo) - Arrestati due spacciatori. I carabinieri di Costa Volpino hanno arrestato un venezuelano di 37 anni, e...
Barcelonnette (Francia) - In volata Campenaerts ha vinto la 18esima tappa del Tour de France 2024 sul traguardo di...
Inserito nelle attività promozionali del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica