Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Danni maltempo in provincia di Sondrio: "Territorio da tutelare"

Sondrio - Il clima che cambia, con inversioni termiche violente che causano nubifragi e l’ingrossamento di fiumi e torrenti, con anche la neve che ha imbiancato le montagne di Valtellina e Valchiavenna costringendo le ultime mandrie e greggi a lasciare in fretta gli alpeggi e a tornare in pianura.


Mentre la Lombardia conta i danni del maltempo, anche la provincia di Sondrio si trova a dover fronteggiare un inizio di autunno dove il maltempo ha colpito a macchia di leopardo con manifestazioni violente che – sottolinea Coldiretti Sondrio – hanno provocato smottamenti e reso difficile la circolazione su diverse strade poderali (e non solo) dirette a vigne e frutteti dove sono in corso la vendemmia e la raccolta delle mele.


Per di più, il repentino cambio di rotta del clima ha portato, nel giro di pochi giorni, un passaggio da temperature di piena estate a valori di fine autunno, con il termometro che lo scorso fine settimana è salito letteralmente sulle montagne russe.


Siamo di fronte – continua la Coldiretti provinciale – alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione che, quest’anno, si è manifestata anche nella nostra provincia con grandinate violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo.


Per questo – conclude il presidente della Coldiretti interprovinciale Silvia Marchesini – è sempre più necessario “tutelare l’agricoltura valtellinese e chiavennasca anche attraverso il riconoscimento del ruolo sociale e di protezione che essa riveste nei confronti della collettività e del territorio: grazie al presidio garantito dalle imprese agricole, la montagna vive ed è presidiata. Ciò è - e sarà - ancor più importante a fronte degli sfasamenti climatici in atto. Insomma, l’agricoltura c’è ed è consapevole della sua funzione multifunzionale: ma è necessario riconoscere questo ruolo, anche sostenendo e incoraggiando il lavoro e l’orientamento delle giovani imprese che decidono di fare agricoltura”.

Ultimo aggiornamento: 06/10/2020 00:04:28
POTREBBE INTERESSARTI
Corsi dal lunedì al venerdì, il vicepresidente Manzini: "Puntiamo su progetto inclusivo sportivo, sociale e ambientale"
Rigatti: “Un grande valore aggiunto non solo per il Comune di Nago-Torbole, ma per tutto il Garda Trentino”
Organizzato dal comitato PreGio Eventi nell'ambito del Piano Giovani di Zona "Terra di Mezzo"
Rinnovo dei contratti collettivi provinciali per il triennio 2025-2027 e per la chiusura del triennio 2022-2024
ULTIME NOTIZIE
Selezionati in vista dello Youth World Sailing Championship