Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-
Mercoledì, 14 giugno 2023

Comunità Amiche della Disabilità: avviato il percorso in Valle Camonica

Breno (Brescia) - La Valle Camonica avvia il percorso per aderire alle CAD (Comunità Amiche della Disabilità). Il percorso dell'Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona di Valle Camonica verso il riconoscimento CAD è stato tracciato.

Comunità Amiche della Disabilità, un progetto scaturito nel 2021 dalla necessità di rispondere alla domanda: "Quali sono le caratteristiche che rivelano le capacità di un territorio nel suo complesso di garantire alle persone con disabilità la prospettiva di una vita adulta, all’insegna del benessere, dell’appartenenza e della realizzazione di sé?".


Un percorso di ricerca che vede coinvolti più partner attivi nell'ampio contesto dell'inclusività: Fondazione ASM (Brescia), Congrega della Carità Apostolica, Fondazione Villa Paradiso (Brescia), Fondazione Tassara e S.I.Di.N – Società Italiana per i Disturbi del Neurosviluppo.


Ieri nella sala assemblee del Consorzio Bim a Breno (Brescia) i dirigenti di ATSP Valle Camonica hanno presentato il progetto con gli interventi della Fondazione Tassara, il professor Roberto Franchini, segretario Generale di SIDIN e Coordinatore scientifico di CAD, Ilario Sabbadini, presidente dell'Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona di Valle Camonica e il sindaco di Malegno, Paolo Erba.


Il progetto delle Comunità Amiche della Disabilità - CAD - è un marchio registrato. Per riceverlo, e avere il supporto di SIDiN, è necessario effettuare una richiesta formale e avviare un procedimento di indagine sociale condotto direttamente da analisti della società scientifica. Riguardando le comunità territoriali, la richiesta può essere effettuata solo da un Ambito Territoriale.


L'ATSP di Valle Camonica - come ha sottolineato Ilario Sabbadini - è fiera di avere fatto richiesta e di lanciare ora in modo ufficiale la parte di analisi che condurrà ad una valutazione dei processi d'inclusività sul nostro territorio, con l'auspicio di potersi poi avvalere di questo prestigioso riconoscimento, comparabile ad un importante marchio di qualità.


E' stato illustrato l'avvio del percorso, sottolineando anche in questa sede che gli Enti e i cittadini a vario titolo coinvolti sul tema disabilità potranno venire contattati dai ricercatori incaricati di valutare le prassi attualmente in essere sul territorio.

Ultimo aggiornamento: 14/06/2023 05:13:57
POTREBBE INTERESSARTI
Dal 2 al 5 maggio la quarta edizione del festival di letteratura per bambine e bambini, ragazze e ragazzi
ULTIME NOTIZIE
Parigi - Conformemente al regolamento dell'Union Cycliste Internationale, le 15 squadre del'UCI Women's WorldTeams sono...
Europei di corsa a ostacoli in Italia per la seconda volta