Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Code lungo la Gardesana, intervento di Filippo Degasperi (Onda civica)

venerdì, 18 giugno 2021

Riva del Garda – Polemiche sulle code lungo la Gardesana. Il consigliere provinciale Filippo Degasperi (Onda civica) commenta così: “A pagare sono i cittadini ma d’altronde sono loro ad essersi scelti la maggioranza che li governa”.

Quando facciamo i lavori su una delle strade più trafficate del Trentino? Naturalmente non quando siamo in lockdown, in zona rossa o gialla, ma appena si torna alla normalità e parte pure la stagione turistica!

Che poi a Trento si possa arrivare solo in auto (100mila al giorno) vista la lungimiranza sul trasporto pubblico dimostrata dai vari governi provinciali dovrebbero saperlo.

Tra l’altro fin dal 2017 abbiamo (noi) fatto stanziare le risorse per lo studio di fattibilità della ferrovia Rovereto-Riva. Tutto fermo anzi in retromarcia dato che è stato chiuso lo spazio intermodale a Rovereto obbligando tutti i mezzi pesanti in partenza dall’Alto Garda o che hanno l’Alto Garda cone destinazione ad utilizzare la Gardesana.

Da ultimo il Centrodestra ha bocciato anche le proposte relative alla diffusione dello smartworking: niente riunioni della galassia Pat in videoconferenza, niente sistematizzazione delle videoconferenze per gli incontri degli organi collegiali delle scuole.

Meglio stare in colonna in macchina da Castel Toblino a Trento! A pagare sono i cittadini ma d’altronde sono loro ad essersi scelti la maggioranza che li governa“, commenta Filippo Degasperi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136