Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Chiusura degli impianti sciistici, Zaia: "In Svizzera e Austria aprono, virus solo in Italia? Sui ristori poca chiarezza"

Cortina d'Ampezzo - Sempre d'attualità il nodo degli impianti sciistici col chiaro indirizzo del Governo di chiuderli almeno fino all'Epifania, "almeno fino a quando l'epidemia non sarà sotto controllo". Le Regioni non ci stanno, chiedendo - nel caso - ristori che però ammonterebbero a miliardi di euro per le prime settimane di chiusura e limitazioni agli spostamenti per non vedere code di appassionati che vadano Oltralpe a trascorrere le vacanze. L'alternativa sarà un meccanismo di quarantena e tampone al rientro dall'estero: la decisione definitiva sarà nota nei prossimi giorni.


Sul tema è intervenuto il governatore del Veneto, Luca Zaia, nel quotidiano punto stampa: "La preoccupazione principale è quella economica. Tutto il tema della montagna va affrontato. L'assembramento in cabinovia non può essere paragonato a quello dello skilift: il tema è l'accesso se parliamo di impianti, ma in generale dobbiamo pensare a tutti.

Dobbiamo aprire il più possibile il resto della montagna, ciò che non è impianti e piste da sci. Sci alpinismo, sci di fondo, guide alpine, accompagnatori, e altri: tutti verrebbero danneggiati da una chiusura. Per ora non c'è alcuna anticipazione su tutto questo.


Sembra che vogliano andare a qualche forma di chiusura durante le vacanze di Natale ma nulla per ora è nero su bianco. Stiamo parlando di un comparto fondamentale ma solo per una parte del Paese. Le ultime notizie dicono di aperture in Svizzera e Austria, assurdo pensare che il virus si sia fermato solo in Italia. Sui ristori non c’è chiarezza. Quello della neve è un comparto importante, ho chiesto al governo che nel prossimo Dpcm sia affrontato tutto il tema della montagna invernale, compresa quella dove non ci sono impianti sciistici. Ci hanno garantito che si arriverà alle chiusure solo con la certezza assoluta dei ristori. Ma la montagna è un’economia molto diversificata e devono essere aiutati tutti, ma veramente tutti".

Ultimo aggiornamento: 27/11/2020 13:44:42
POTREBBE INTERESSARTI
Cevo (Brescia) - Sfida a due alle elezioni Comunali di Cevo dell'8 e 9 giugno: Simone Bresadola contro Salvatore...
Pian Camuno - La Master Rapid SKF CBL ha partecipato alla Youth League wkf di La Coruna in Spagna, un importante evento...
Cronoscalata, il 53esimo trofeo Vallecamonica in calendario dal 12 al 14 luglio
Edolo (Brescia) – Il turismo in treno in Lombardia continua a crescere: nel 2024 già 2,8 milioni di passeggeri hanno...
Il 22 e 23 giugno un percorso ed una logistica rinnovati
Partendo dal messaggio di Papa Francesco
ULTIME NOTIZIE
Vittima del terribile incidente stradale autista 64enne
Valdidentro (Sondrio) - A causa di un incidente che ha coinvolto un mezzo pesante, è stata temporaneamente chiusa al...
Brescia - Due sorelle di 29 e 36 anni, residenti in Franciacorta e arrestate a Rovato: una di loro svolgeva l'attività...