Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Valle Camonica: Comunità Montana, aiuti per 875 famiglie e 20 aziende in difficoltà

venerdì, 24 luglio 2020

Edolo – Aiuti per 875 famiglie in difficoltà in 34 Comuni e venti aziende agricole nel territorio camuno.

Comunità Montana Valle Camonica - Breno - GdvL’emergenza socio economica dopo il lockdown ha messo in seria crisi tutti i territori, Valle Camonica compresa. In molti si sono dati da fare e Comunità Montana-Parco Adamello ha inciso, in quanto ente comprensoriale, che si occupa di numerosi settori e tematiche, mettendo in campo un’iniziativa che, al contempo, è stata in grado di sostenere i cittadini, con un intervento di carattere sociale, e le imprese agricole, con un sostegno alla produzione.

Grazie all’albo fornitori, costituito durante l’emergenza Coronavirus, sono stati acquistati da venti aziende camune circa 40 mila euro di prodotti agroalimentari, distribuiti in cinque giornate alle 875 famiglie bisognose segnalate dai Comuni. Si tratta di circa 2.500 chilogrammi di alimenti, cui vanno aggiunti 5.250 litri di latte e 1.658 di succhi confezionati in pacchi del valore medio di € 47,70 euro.

I Comuni dove sono stati consegnati più pacchi sono Darfo (110), Edolo (100), Ossimo e Berzo Inferiore (70), Malonno (61), Unione Alta Valle (50), Niardo (31) e Piancamuno, Esine, Bienno, Gianico, Malegno e Sellero (30 ciascuno). Con succhi e latte, nei pacchi sono finiti 402 chili di farina, 89 di salumi e 1.453 di formaggi, oltre a 473 confezioni di pasta e 825 vasetti di confetture.

La Comunità montana, in pieno lockdown ha destinato all’iniziativa 50mila euro – spiega l’assessore al parco Adamello Massimo Maugeri -: per sostenere, al contempo, sia il comparto agricolo camuno, perché tutti i prodotti dei pacchi sono stati acquistati dalle venti aziende che hanno aderito all’albo, sia le famiglie bisognose. È un modo concreto di sostegno al territorio in generale, in un momento davvero difficile anche per la Valle”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136