Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Sostenibilità nella montagna lombarda, i messaggi del seminario UniMont

giovedì, 8 ottobre 2020

Edolo – Ieri si è tenuto l’evento online “Sostenibilità nella montagna lombarda”, organizzato dalla ”Casa dell’Agricoltura”, in collaborazione con UniMont – polo d’Eccellenza dell’Università degli Studi di Milano –  focalizzato sul ruolo dei giovani impegnati nell’attività di ricerca e in nuove iniziative imprenditoriali per lo sviluppo sostenibile delle montagne, analizzate nel contesto del “Green Deal Europeo”.

universita montagna unimontPartendo dalla constatazione del ruolo insostituibile dell’agricoltura per assicurare il presidio, la fruizione e l’utilizzo produttivo delle aree montane, sono stati presentati casi di imprenditoria agricola giovanile virtuosi ed è stato illustrato il ruolo che può svolgere la ricerca in questo ambito, analizzando le sfide del terzo millennio alla luce dell’evoluzione del contesto in atto a seguito degli sviluppi della politica comunitaria – “Green Deal europeo“.

L’evento è stato occasione di dialogo e confronto tra i giovani – giovani ricercatori e giovani imprenditori agricoli di montagna - chiamati a presentare le proprie esperienze – e importanti rappresentanti del mondo delle istituzioni.

VIDEO REGISTRAZIONE

I PARTECIPANTI
Numerosi gli ospiti afferenti al network Unimont come i giovani ricercatori del Ge.S.Di.Mont. – Centro di Ricerca di Unimont – Luca Giupponi e Valeria Leoni – i quali, portando come esempio proprio l’esperienza di Unimont sul campo, hanno introdotto il tema centrale della collaborazione tra mondo dell’imprenditoria e mondo della ricerca, per lo sviluppo di una nuova agricoltura di montagna. Tra le testimonianze anche quelle  dei giovani che hanno scommesso sulla montagna per fare impresa, come Luana Gregorini dell’Azienda Agricola di Gregorini Luana in Valle Camonica; Enrico Angeli - Azienda Agricola Concarena, Valle Camonica – Consorzio vini IGT Valle Camonica e Cristian Romelli Azienda La Perla Nera, Valle Camonica (BS) – Associazione Mais Nero Spinoso di Valle Camonica, nonché Valentino Bonomi, dell’Agriturismo San Faustino, in Valcamonica e Stefania Reali, dell’Azienda Agricola “Cosa tiene accese le stelle” in Val Trompia, due laureati Unimont. Stefania Reali, non potendo essere presente all’evento, ha rilasciato un video, che è possibile visualizzare qui.

Il convegno ha visto infine la partecipazione di rilevanti personalità istituzionali, rappresentanti del mondo accademico ed esperti di settore tra i quali segnaliamo: Herbert Dorfmann - europarlamentare e membro della Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale; Alessandro Panza - europarlamentare impegnato a favore dello sviluppo dei territori montani; Tiziano Maffezzini - Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Comunità Montane lombarde e di UNCEM Lombardia; Giorgio Bleynat - membro del Consiglio Direttivo di Casa dell’Agricoltura; Claudia Sorlini, Presidente Casa dell’Agricoltura, Professore Emerito dell’Università degli Studi di Milano e Vice Presidente della Fondazione Cariplo, e Anna Giorgi, direttore del Polo UNIMONT dell’ Università degli Studi di Milano.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136