Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Sonico, 300mila euro da Regione Lombardia per il recupero della “Terza Linea”

giovedì, 30 luglio 2020

Sonico – Il recupero dei manufatti della “Terza linea” della Prima Guerra Mondiale si avvicina. Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato un ordine del giorno presentato dal consigliere regionale Viviana Beccalossi, assegnando 300mila euro per la riqualificazione delle trincee della “Terza linea” di difesa in località Greano nel Comune di Sonico (Brescia). Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Gian Battista Pasquini: “Faremo il progetto esecutivo del primo stralcio. Grazie a Viviana Beccalossi e a tutti gli assessori e consiglieri che hanno sostenuto questo importante progetto”.

Terza linea - Sonico GdvLa “Terza Linea” costituiva l’ultimo sbarramento fortificato della Valle Camonica (Brescia) durante la Prima Guerra Mondiale, incastonato in un complesso sistema difensivo militare che occupava tutto il tratto terminale dell’alta Valle tra Malonno e Sonico. Lo sbarramento fortificato doveva impedire l’eventuale discesa dell’esercito austriaco in direzione di Brescia ed era stato disposto in modo da bloccare trasversalmente l’asse stradale e il corso del fiume Oglio.  Una “grande opera” che, attraverso il progetto di recupero, porterà a una fruizione turistica di un pezzo di storia della Valle Camonica.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136