Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Regione Lombardia: 2,8 milioni di euro per rilancio comprensori sciistici

mercoledì, 20 maggio 2020

Ponte di Legno – Ammonta a due milione e 800milla euro il contributo regionale stanziato dalla Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell’assessore allo Sport e Giovani, Martina Cambiaghi, per il sostegno alla gestione degli impianti di risalita e delle piste da sci innevate artificialmente nei comprensori lombardi per le stagioni invernali 2019-2020 e 2020-2021.

cambiaghi

FAVORIRE E POTENZIARE IL COMPARTO NEVE – “La misura approvata – ha spiegato Martina Cambiaghi (nella foto) – vuole sostenere e valorizzare tutto il comparto neve lombardo”.

“In particolare il provvedimento – ha aggiunto – riguarda l’aiuto con cui Regione Lombardia contribuisce alla copertura dei costi di esercizio. Nonostante il momento particolare che stiamo attraversando non abbiamo perso di vista gli appuntamenti importanti che ci aspettano. Uno su tutti, le Olimpiadi Milano-Cortina 2026″.

“Per questo motivo – ha sottolineato – continua il nostro impegno economico per essere al fianco degli operatori degli impianti di risalita e piste da sci e sono stati stanziati, per le stagioni sciistiche 2019/2020 e 2020/2021, risorse per 2,8 milioni di euro, che si aggiungono ai provvedimenti adottati lo scorso anno (pari a 9,4 milioni di euro) dedicati al comparto neve”.

METE TURISTICHE E SPORTIVE“L’intento rimane principalmente uno – ha concluso – e cioè rendere le nostre località montane sempre più competitive come mete turistiche e sportive, diventando il punto di riferimento per gli sport invernali a 360 gradi”.

IL BANDO – La misura assicura l’erogazione di contributi a fondo perduto, fino al 70% delle spese ammissibili, per la copertura dei costi di esercizio. Il bando aprirà nel mese di luglio.

Sono compresi, per esempio, i consumi di energia elettrica, carburante e mezzi per la battitura della pista. Incluso anche l’approvvigionamento idrico per la realizzazione dell’innevamento programmato. Si tratta di un contributo sui costi di esercizio con una soglia massima di 125mila euro.

Per il bando 2021, sono finanziabili i costi connessi agli interventi di manutenzione ordinaria e messa in sicurezza degli impianti di risalita e delle piste da sci e l’applicazione dei protocolli di sicurezza per prevenire la diffusione di nuovi focolai del Covid-19.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136