Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Lockdown, zone rosse costano 1,8 miliardi per 85mila ristoranti coinvolti

mercoledì, 4 novembre 2020

Brescia – Una perdita di fatturato di 1,8 miliardi è l’effetto della chiusura per un intero mese degli oltre 85mila ristoranti, bar e pizzerie situati in Lombardia, Piemonte e Calabria. E’ quanto emerge dallo studio della Coldiretti sulle conseguenze di un lockdown nelle regioni piu’ colpite dal contagio da coronavirus in riferimento all’emanazione del nuovo DPCM.

La Lombardia che è la regione italiana con il maggior numero di locali per il consumo di cibo e bevande fuori casa (oltre 51mila) è dunque – sottolinea la Coldiretti – quella che paga il prezzo piu’ alto alle misure restrittive.

Gli effetti della chiusura delle attività di ristorazione – continua la Coldiretti – si fanno pero’ sentire a cascata sull’intera filiera agroalimentare con disdette di ordini per le forniture di molti prodotti agroalimentari, dal vino all’olio, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. In alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo la ristorazione – precisa la Coldiretti – rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato.

A preoccupare – continua la Coldiretti – sono anche le limitazioni a carico delle aziende agrituristiche diffuse nelle tre regioni piu’ colpite che si trovano in grande difficoltà quest’anno per le misure di contenimento già adottate e il crollo del turismo. Le limitazioni alle attività di impresa – conclude la Coldiretti – devono dunque prevedere un adeguato e immediato sostegno economico lungo tutta la filiera per salvare l’economia e l’occupazione in un settore chiave del Made in Italy.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136