Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


La solidarietà della Valle Camonica alle famiglie bisognose

lunedì, 11 maggio 2020

Darfo Boario Terme – In Valle Camonica proseguono le iniziative di solidarietà per aiutare le famiglie bisognose. Le Acli della Valle Camonica hanno recuperato, con il progetto R.E.B.U.S. (Recupero Eccedenze Beni Utilizzabili Solidalmente), più di due tonnellate e mezzo di cibo e le hanno donate alle famiglie in difficoltà.

Sono state ritirate nei punti vendita di alcuni centi commerciali di Breno, Esine e Darfo le eccedenze alimentari e il progetto si sviluppa grazie alla collaborazione con i volontari del Banco Alimentare Valgrigna, della San Vincenzo di Breno, Cooperativa di Bessimo, Caritas Cividate, Cooperativa La Mano, Suore Messicane, l’Unione dei comuni della Civiltà delle pietre e la Cooperativa La Quercia, e ha permesso a centinaia di persone e famiglie in difficoltà momentanea di usufruire di cibo di buona qualità. Il servizio è svolto in accordo e collegamento continuo con i servizi sociali della ASST e ha permesso di recuperare in questi due anni di attività oltre 2,5 tonnellate di cibo che altrimenti sarebbero diventati dei rifiuti. Sono oltre 150 famiglie e 200 ospiti di mense sociali o comunità di accoglienza possono beneficiare di questa iniziativa.

Inoltre – in questa fase di emergenza Covid-19 – i cacciatori del comprensorio Alpini C4 hanno recapitato pacchi alimentari a circa 60 famiglie bisognose della bassa Valle Camonica. L’iniziativa ha coinvolto oltre ai cacciatori del C4, la Protezione civile di Pian Camuno, l’oratorio di Artogne, e l’associazione Dante di Flero che ha fornito i generi alimentari. Iniziative analoghe sono state avviate nella Media e Alta Valle e arriveranno a compimento nei prossimi giorni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136