Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Edolo: in Consiglio comunale l’intesa con Enel sui sovraccanoni

martedì, 2 giugno 2020

Edolo – Torna a riunirsi il Consiglio comunale di Edolo (Brescia), con una doppia seduta: la prima è in calendario domani – mercoledì 3 giugno, con inizio alle 20.30, e la seconda si terrà venerdì 5 giugno, sempre alla stessa ora, su temi finanziari.

Nella seduta di domani il Consiglio comunale ha all’ordine del giorno tre argomenti, comunicazione del prelievo del fondo di riserva effettuato dalla Giunta comunale 16 del 5 marzo scorso, il riconoscimento del debito fuori bilancio a seguito della sentenza del Tribunale Superiore delle acque pubbliche del 14 ottobre 2015 – numero 260 – e contestuale approvazione dell’accordo transattivo Comune di Edolo-Enel e ratifica della delibera 18 del 26 marzo 2020 e 20 del 3 aprile 2020 concernente la variazione al bilancio di previsione 2019-2021 – esercizio provvisorio.

Il piatto forte della seduta consiliare è l’accordo tra il Comune di Edolo e l’Enel sui sovraccanoni, una querelle che ha origini lontane (2011) e solo nelle ultime settimane ha visto concretizzarsi le condizioni per un’intesa che sarà illustrata domani all’assemblea.

La tre delibere: la numero 16 è legata ai lavori al cimitero per reperire spazi, la numero 18 è legata all’acquisto di dispositivi di protezione individuale (80mila euro) e maggiori spese per i servizi cimiteriali (5mila euro) e la numero 20 è legata all’adozione di misure urgenti di solidarietà con approvazione dell’avviso pubblico per la raccolta delle domande di accesso ai buoni spesa e contestuale variazione al bilancio. I tre provvedimenti sono legati all’emergenza sanitaria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136