Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Difesa del suolo, fondi regionali in Valle Camonica: da Borno a Ponte di Legno, gli interventi nei Comuni

giovedì, 15 ottobre 2020

Edolo – Oltre duecento cantieri che interesseranno tutte le province lombarde, per un totale di oltre 138 milioni di euro di investimenti. Sono i numeri del programma di interventi di difesa del suolo previsti dal Piano Lombardia e approvati oggi dalla giunta regionale su proposta dell’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni.

franaCONDIVISIONE CON IL TERRITORIO – ‘Il Programma consta di 204 interventi selezionati con il supporto degli Utr regionali che hanno garantito il necessario raccordo con le esigenze dei diversi territori e segnalato le necessità di intervenire su quelle situazioni di rischio idrogeologico verificatesi recentemente’ ha spiegato Foroni.

‘Sono stati selezionati – ha precisato – anche gli interventi proposti dai Comuni già dotati di un livello minimale di progettazione o studio di fattibilità’.

Tra il 2021 e 2022 si apriranno quindi 204 nuovi cantieri con le imprese del settore edile chiamate a realizzare opere strutturali per la difesa dei centri abitati e delle infrastrutture primarie e anche interventi di manutenzione straordinaria dei corsi d’acqua e delle opere esistenti.

OCCASIONE DI LAVORO E RILANCIO – ‘Sono orgoglioso di un così poderoso e vasto programma di interventi di difesa del suolo e mitigazione dei rischi idrogeologici con un ingente investimento esclusivamente regionale’ ha aggiunto Foroni.

‘Oltre alla grandissima utilità pubblica delle opere per la sicurezza dei cittadini e delle comunità, si apriranno – ha rimarcato l’assessore regionale – anche molte opportunità di rilancio delle attività professionali (ingegneri, geologi, forestali, architetti, geometri) legate alla redazione dei progetti delle opere e a tutte le attività di indagine collaterali (rilievi, prove geognostiche, prove laboratorio, modellazioni, ecc.)’.

‘Il tutto – ha evidenziato – nel pieno spirito del ‘Piano Lombardia’ fortemente voluto dal presidente Fontana. Ancora una volta la Lombardia si è accollata un notevolissimo sforzo economico per venire incontro alle necessità del territorio, ora ci aspettiamo che questo governo faccia lo stesso, perché fino ad ora sono arrivate solo promesse regolarmente disattese’.

‘Si tratta – ha concluso l’assessore regionale – di un programma pensato per investire importanti risorse finanziarie, in modo mirato, per il miglioramento della sicurezza dei territori regionali soggetti a rischio idrogeologico e per il sostegno delle economie locali duramente colpite dalle conseguenze negative derivanti dall’emergenza sanitaria da Covid-19′.

IL PIANO DEGLI INTERVENTI – Gli interventi in dettaglio con le risorse destinate ad ogni singola provincia: Bergamo 26.180.000; Brescia 26.235.000, Como 5.350.000, Cremona 2.695.000, Lecco 6.520.000, Lodi 3.300.000, Mantova 2.015.000, Milano 18.480.000, Monza e Brianza 3.880.000, Pavia 10.340.000, Sondrio 24.725.000, Varese 8.370.000. Totale 138.090.000 euro.

PROVINCIA DI BRESCIA – Edolo, messa in sicurezza da crolli in roccia lungo Via Oglio Interventi di messa in sicurezza, 670.000 euro; Comuni vari, sistemazione idrogeologica del Bacino del fiume Chiese – previsto dallo studio di sottobacino, 1.500.000 euro; Sonico, regimazione Val Rabbia, 2.400.000 euro; Sonico, ripristino funzionalità idraulica fiume Oglio in confluenza con il torrente Val Rabbia, 650.000 euro; Temù, sistemazione torrente Val d’Avio, 900.000 euro; Vione, sistemazione torrente Vallaro – 1° e 2° lotto, 1.400.000 euro; Incudine, sistemazione idraulica del fiume Oglio (sponda dx) – 1° lotto, 325.000 euro; Piancogno, completamento barriere paramassi, 650.000 euro; Botticino, mitigazione rischio crolli lungo versante orientale cresta monti Maddalena, Denno e Salena, 700.000 euro; Vezza d’Oglio, regimazione idraulica e sistemazione del torrente Valle San Clemente, 355.000 euro; Pisogne, mitigazione del rischio in apice del conoide del torrente Trobiolo – lotto 1, 885.000 euro; Artogne, regimazione idraulica con miglioramento ambientale del tratto di torrente della Val Vedetta – lotto 1, 900.000 euro; Brescia, sistemazione idraulica del torrente Garzetta di Costalunga a Brescia, 2.140.000 euro; Brescia, torrente Garza: messa in sicurezza della località San Polo, 1.725.000 euro; Rezzato, realizzazione vasca di laminazione torrente Rino, 700.000 euro; Gargnano, mitigazione rischio crolli in località Sinsegla, 2.000.000 euro; Limone sul Garda, sistemazione conoide della Valle Pura, 640.000 euro; Malegno, difesa arginale della ‘B di progetto’ sulla sponda orografica destra del Fiume Oglio a Malegno, 365.000 euro; Ponte di Legno, sistemazione del torrente Arcanello, 1.130.000 euro; Monno, interventi lungo il torrente Ogliolo, 110.000 euro; Ceto, riduzione del rischio esondazioni lungo il fiume Oglio in località Campagnelli Giarelli, 370.000 euro; Brescia, sistemazione idraulica del torrente Garza in località Crocevia Nave, 1.555.000 euro; Rovato, realizzazione area di laminazione del torrente Carera, 1.410.000 euro; Comuni vari, manutenzione diffusa bacino del fiume Oglio sottolacuale, 900.000 euro; Breno, regimazione torrente Valle di Camerata, 500.000 euro; Borno, regimazione torrente Play – intervento A, 435.000 euro; Malonno, ripristino della funzionalità idraulica del fiume Oglio, 500.000 euro; Concesio, sistemazione idraulica comune Concesio, 60.000 euro; Orzinuovi, sistemazione spondali fiume Oglio in territorio comunale, 100.000 euro; Bienno, messa in sicurezza urgente del tornante sulla Sp 345 al km 82+860 a Bienno, 70.000 euro; Niardo, intervento di sistemazione e messa in sicurezza nell’area del centro sportivo a Niardo, 70.000 euro; Agnosine, rifacimento muro di contenimento pericolante adiacente a sede stradale comunale, via Disciplina, in centro abitato, 120.000 euro.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136