Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Comuni Confinanti lombardi: fondi a Ponte di Legno e in altre località

martedì, 21 maggio 2019

Ponte di Legno – Sono stati approvati dal Comitato Paritetico del Fondo Comuni Confinanti gli esiti dell’avviso 2019, che destina 24 milioni di euro a progetti presentati dai Comuni di Veneto e Lombardia confinanti con le province autonome di Trento e Bolzano. Il Comitato garantisce la partecipazione degli Enti locali nell’ambito della gestione dei fondi da assegnare ai territori confinanti e dopo aver individuato le priorità specifiche.

ASSESSORE: FORTE IMPATTO E RICADUTE POSITIVE – Per i Comuni lombardi sono stati finanziati 15 progetti, per un importo complessivo di finanziamento di 8,5 milioni di euro, comprese le economie derivanti dalle rinunce sulle annualità precedenti, dei quali 7,5 milioni su 12 Comuni bresciani e 1 milione su 2 Comuni della provincia di Sondrio.

“Tutti i progetti finanziati – ha spiegato l’assessore regionale alla Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni – sono di forte impatto per le Amministrazioni interessate e garantiranno una migliore infrastrutturazione dei territori con ricadute positive sia per le comunità residenti e i turisti che frequentano i comuni di confine”.

A 12 COMUNI IN PROVINCIA DI BRESCIA 7,5 MILIONI – Per i Comuni della provincia di Brescia sono stati finanziati 13 progetti per il valore complessivo di 7,5 milioni di euro.

Nel dettaglio:
- a Tremosine sul Garda, la manutenzione straordinaria della copertura del ‘Centro sociale Campione del Garda’ (500.000 euro);
- a Cevo, la riqualificazione e il potenziamento di infrastrutture viarie (500.000 euro);
- a Limone sul Garda, il primo lotto del nuovo parcheggio interrato in ampliamento all’esistente in area ‘Torcol’ (1,5 milioni di euro);
- a Magasa, il rifacimento dei sottoservizi nel centro storico (500.000 euro);
- a Ponte di Legno, le opere di completamento della nuova sala polifunzionale consiliare (500.000 euro);
- a Idro la realizzazione della nuova rotatoria in via Trento (500.000 euro);
- a Bagolino il potenziamento del sistema delle strutture pubbliche e dei servizi e attrezzature sociali e ricreative (500.000 euro);
- a Saviore dell’Adamello, il potenziamento delle infrastrutture turistiche e commerciali nel territorio oltre ad interventi di riqualificazione della viabilità pubblica (500.000 euro);
- a Valvestino, il potenziamento dell’acquedotto comunale di Persone e Moerna, attraverso la realizzazione di un impianto microidroelettrico (500.000 euro) e il miglioramento della viabilità comunale interna alle frazioni di Turano e Moerna, e la rivalutazione di un immobile situato in frazione Bollone a fini sociali (500.000 euro);
- a Ceto, i lavori di riqualificazione delle vie secondarie del centro storico con rifacimento dei sottoservizi e realizzazione di una nuova pavimentazione in pietra (500.000 euro);
- a Breno, l’adeguamento e la messa in sicurezza della viabilità di collegamento fra capoluogo e frazioni (500.000 euro).

A 2 COMUNI IN PROVINCIA DI SONDRIO 1 MILIONE – Questi gli interventi in provincia di Sondrio:

- a Bormio 500.000 euro per i lavori di ripristino dell’impermeabilizzazione soprastante il solaio dell’autorimessa di via Peccedi;
- a Valfurva, 500.000 euro per i lavori di messa in sicurezza e adeguamento della viabilità comunale al servizio della Valzebrù, nella tratta Piazza Madonna del Carmine-Canaregia.

OLTRE 1 MILIONE PER PROGETTO P.R.I.M.O. - Per la provincia di Sondrio, nel corso dell’incontro, è stato anche approvato il quarto atto aggiuntivo alla convenzione relativa al progetto ’Aree interne Valtellina’, che, garantendo 1 milione di euro al progetto P.R.I.M.O. (Progettualità Integrazione Managerialità Opportunità Comunità Montana Alta Valtellina), dà piena copertura economica allo stesso, il cui ammontare complessivo è di 2,1 milioni euro, e assicura l’iter per le successive fasi di progettazione.

“Si tratta – ha concluso l’assessore – di un intervento che consentirà una migliore integrazione di tutti i servizi per disabili che vengono erogati nel comprensorio dell’Alta Valtellina, con la realizzazione di una nuova infrastruttura per disabili attraverso l’adeguamento di un edificio esistente in località Scleva in Comune di Valdisotto”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136