Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Itinerari estivi: escursione da Case di Viso a rifugio Bozzi

sabato, 18 luglio 2020

Ponte di Legno – L’itinerario proposto per questo sabato di metà luglio ha come meta il rifugio Bozzi. Partenza consigliata da Case di Viso, raggiungibile in auto o con il bus navetta che parte da Ponte di Legno con cadenza oraria e salita ai 2.478 metri del rifugio.

camminate escursioni estate montozzo rifugio bozziLA STORIA - Il rifugio Bozzi si trova nella conca del Montozzo e si specchia nell’omonimo laghetto. Il “Bozzi” è un luogo della memoria, legato alla Grande Guerra combattuta sulle montagne tra la Lombardia e il Trentino. Il rifugio prende il nome da “Angiolino Bozzi”, tra i Caduti. Per chi volesse rivivere un pezzo di storia vissuta e combattuta su queste vette è possibile visitare musei all’aria aperta: trincee, torrette, postazioni e molto altro, oltre a cimeli custoditi nel locale attiguo al rifugio.

L‘ITINERARIO - Il percorso parte da zona Case di Viso oppure nell’area pic-nic sovrastante, il sentiero da seguire è segnato col numero 152. Partendo da Case di Viso ci si impiega circa 2 ore e mezza con andatura non elevata, il dislivello è di 715 metri, mentre dall’area pic nic ci si mettono 2 ore e il dislivello è di 600 metri.

La strada inizia in leggera salita: salendo passo dopo passo si potrà ammirare di un’ottima vista sulla Valle Camonica e sul laghetto di Viso. La pendenza cresce e continuando sui tornanti immersi nella natura e una flora unica si arriva alla Malga Casaiola. Da qui il sentiero alterna tratti di pianoro e salita. Dopo una decina di tornanti si arriva in un tratto pianeggiante in cui s’intravede il rigugio, da quel punto in una ventina di minuti si arriva al Bozzi, a quota 2478 metri. Da qui le direzioni possono essere diversi, dalla sosta al proseguimento in salita ripida per una trentina di minuti verso il Montozzo, con uno sguardo sulla Val di Pejo.

di Chiara Panzeri



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136