Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Orsi, riorganizzazione del recinto al Casteller e una nuova area a Spormaggiore

venerdì, 28 agosto 2020

Spormaggiore – Nella seduta odierna la Giunta provinciale trentina ha affrontato il tema degli spazi destinati ad ospitare orsi pericolosi: un argomento di attualità che desta l’interesse dell’opinione pubblica trentina e non solo.

casteller trentinoÈ stato dato, infatti, il mandato al dipartimento agricoltura, foreste e difesa del suolo di provvedere nelle prossime settimane ad un adeguamento del recinto del parco faunistico di Spormaggiore, in previsione del trasferimento di DJ3, la femmina catturata nel 2011 e attualmente ospitata al Casteller. Lo ha annunciato il presidente della Provincia autonoma di Trento in occasione della conferenza stampa di Giunta, precisando che lo stesso Casteller nel frattempo verrà riorganizzato, con un potenziamento delle barriere esterne e un ulteriore rafforzamento del recinto, mentre a Spormaggiore è prevista anche una nuova area di sicurezza, che verrà realizzata nei prossimi mesi.

La Giunta pensa anche di avviare un percorso amministrativo per incrementare il numero degli esemplari potenzialmente ospitabili nel recinto del Casteller, qualora dovessero esserci motivi di urgenza e in relazione alla gravità della situazione attuale rispetto alla sicurezza pubblica, con la presenza di orsi confidenti in prossimità dei centri abitati. Si tratta comunque di lavori urgenti legati a sistemazioni temporanee degli esemplari, in attesa anche di una risposta da parte del Ministero competente su luoghi alternativi disposti ad accogliere orsi problematici.

È stata poi confermata dal presidente la notizia che l’orso catturato ad Andalo è M57, come risulta dalle analisi genetiche effettuate dalla FEM sulle tracce rinvenute a seguito dell’attacco al giovane carabiniere la scorsa settimana.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136