Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Cles, 15mila visitatori e altri due appuntamenti per “Le cinque chiavi gotiche”

lunedì, 12 ottobre 2020

Cles - La realtà virtuale come strumento esperienziale. Nuove tecnologie a supporto dei musei è il titolo del decimo evento collaterale organizzato nell’ambito della mostra Le cinque chiavi gotiche e altre meraviglie aperta e visitabile presso Palazzo Assessorile a Cles fino a domenica 29 novembre. La conferenza si terrà giovedì 15 ottobre alle 20.30 in Sala Baronale.

chiaviLa realtà virtuale può offrire molteplici possibilità in vari settori – tra qui quello museale – nell’ambito del quale è possibile unire esperienze uniche e surreali a momenti culturali e di apprendimento. Grazie a queste tecnologie, infatti, è possibile rivivere momenti della storia ormai perduti ma che, grazie alla computer grafica, possono essere nuovamente rievocati in tutto il loro splendore. Quali sono le tendenze “immersive” che i musei utilizzano per interagire con il visitatore ed affascinarlo nel contesto di un percorso espositivo e quali sono i passaggi per arrivare al prodotto finito come quello della mostra presso Palazzo Assessorile, sono alcune delle domande a cui risponderanno Stefano Benedetti e Gabrio Girardi di Neoinfinity autori della realtà virtuale visibile presso la mostra Le cinque chiavi gotiche e altre meraviglie a Cles. Un prodotto, quello dei due professionisti, risultato di un imprescindibile lavoro di quadra intrapreso con la curatrice Lucia Barison e i co-curatori della mostra Marcello Nebl, Gianluca Fondriest e Alessandro Bezzi.

Non vi saranno proroghe di apertura al percorso di visita che, accessibile da sabato 13 giugno 2020, è già stato visitato da 15.000 visitatori. Dunque “chi ha tempo non aspetti tempo” è il titolo della campagna social che il Comune di Cles ha avviato sulla propria pagina facebook e sul profilo instagram per avvertire e invitare il pubblico ad entrare a Palazzo e farsi affascinare da una storia millenaria raccontata da oltre 240 beni tra cui opere d’arte, documenti antichi, oggetti di artigianato, di oreficeria e reperti archeologici.

Due gli appuntamenti aggiunti al già ricco calendario di eventi collaterali organizzati nell’ambito della mostra che si concluderanno con l’intervento del Soprintendente Direttore della Soprintendenza per i Beni culturali della Provincia Autonoma di Trento Franco Marzatico invitato a parlare della Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale giovedì 5 novembre come sempre alle 20.30.

Data l’ottima partecipazione e successo riscossi dagli eventi serali, l’amministrazione e gli organizzatori della mostra hanno deciso di aggiungere un focus sulla realtà virtuale ed un’esposizione temporanea di monete antiche con una serata illustrativa intitolata Dai celti a Bernardo Cles che si terrà a cura di Alberto Mosca e Ferruccio Mascotti giovedì 22 ottobre 2020. Un momento per analizzare e raccontare le emissioni di Bernardo Cles dal punto di vista storico, pondometrico e araldico, con riferimento ai pezzi esposti dal 13 ottobre al 29 novembre 2020. L’arrivo della moneta in Anaunia nel II secolo a.C., gli influssi dei greci, celti e romani, i ritrovamenti materiali fino all’alto medioevo con un’analisi sull’età medievale con particolare riguardo per le zecche di Trento e di Merano sono alcuni degli argomenti che verranno trattati durante la serata che si terrà nel rispetto delle misure anti contagio con obbligo di prenotazione chiamando al numero 0463.662091.

INFO E ORARI MOSTRA

www.comune.cles.tn.it

lunedì 14.30-18.30

Dal martedì alla domenica 10.00-12.30 / 14.30-18.30

Ingresso libero

SCHEDA TECNICA MOSTRA

Mostra a cura di

Lucia Barison

Comitato scientifico

Lucia Barison, Alessandro Bezzi, Luca Bezzi,

Gianluca Fondriest, Alberto Mosca, Marcello Nebl

Coordinamento per il Comune di Cles

Laura Paternoster – Ufficio Attività Culturali

Progetto espositivo

Lucia Barison, Marcello Nebl

Apparati didattici e percorsi di ricerca per le scuole

Sara Lorengo, Maria d’Ambrosio, Veronica Gebelin

Ufficio stampa

Lucia Barison, Laura Paternoster

Grafica

Stefano Benedetti, Lucia Barison, Marcello Nebl

Video in mostra sull’evoluzione del paesaggio clesiano

Testi di Alessandro Bezzi, Luca Bezzi, Gianluca

Fondriest, Marcello Nebl

Produzione Video di Stefano Benedetti

Realtà aumentata

Neo Infinity di Girardi Gabrio

Computer grafica di Stefano Benedetti

Video “Tavola clesiana”

Michele Bellio

Video promozionali

Marco Rauzi

Stampa materiali di comunicazione

Tipografia Quaresima

Prestatori

Soprintendenza per i beni culturali, Ufficio beni archeologici di Trento; Museo Castello del Buonconsiglio di Trento; Museo Regionale Tirolese Ferdinandeum di Innsbruck; Parrocchia di Santa Maria Assunta in Cles; Parrocchia di Santa Maria Assunta in Mechel; Südtiroler Landesarchiv Archivio Provinciale di Bolzano; Archivio provinciale di Trento; Biblioteca Comunale di Trento; Biblioteca Comunale di Cles; Comune di Cles; Archivio di Stato di Trento; Provincia S.Antonio dei Frati Minori, Convento S.Antonio in Cles; Galleria d’Arte Fedrizzi, Cles.

Catalogo a cura di

Lucia Barison, Marcello Nebl



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136