Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Il trentino Pellè secondo al Rally di Alba

lunedì, 3 agosto 2020

Alba – Parte con il piede giusto questo martoriato 2020 per Roberto Pellè, rientrato nel weekend da un Rally di Alba, dal profumo mondiale, con molteplici spunti positivi. Foto di Ivan Zortea.

pelle Ivan ZorteaPer il pilota di Trento, affiancato in abitacolo e nella vita da Giulia Luraschi, l’appuntamento cuneese, prima prova del Campionato Italiano WRC, racchiudeva parecchie incognite. Prima fra tutti il cambio di vettura, con il passaggio dalla vecchia Suzuki Swift R1 alla nuova versione Racing Start, dotata di un motore 1.0 turbo boosterjet, preparata da A. Bi. Car Racing. Il portacolori della scuderia trentina Destra 4 Squadra Corse, abituale protagonista della Suzuki Rally Cup, ha saputo ben interpretare il nuovo pacchetto tecnico, andando a cogliere una brillante seconda posizione tra le Racing Start, ben nove al via, ed ottenendo i primi punti per il monomarca della casa coreana, forte della sesta piazza finale.

“Nonostante il caldo torrido abbiamo svolto tutti un ottimo lavoro” – racconta Pellè – “a partire da tutto il team per arrivare sino alla mia Giulia, impeccabile come sempre sul sedile di destra. Non è stata una trasferta facile, semplice, ma siamo riusciti a farla girare a nostro favore e siamo riusciti a tornare da Alba con punti importanti. Eravamo in quattordici nella Suzuki Rally Cup e possiamo guardare al futuro con sano ottimismo. Il ghiaccio è stato rotto, avanti così.”

Pronti, via e sul primo giro di prove speciali Pellè si insediava stabilmente alle spalle di Fichera, alla guida di una Suzuki Baleno, in classe Racing Start, unico a contenere il divario rispetto alla concorrenza, con il terzo che incassava un abisso, già superiore ai tre minuti di ritardo.

Nell’ambito della Suzuki Rally Cup la progressione dell’alfiere di Destra 4 Squadra Corse era già costante: settimo tempo sulla prima speciale, sesto sulla seconda e quinto sulla terza.

Nonostante il rapido deteriorarsi del fondo stradale Pellè si confermava, anche sulla seconda tornata, il solo in grado di mantenere il distacco da Fichera tra le derivate dalla serie mentre nel trofeo dedicato alle piccole di casa Suzuki la lotta a ridosso del podio si faceva molto serrata.

Con tre prove speciali ancora da disputare, seppur la classifica tra le Racing Start fosse ormai congelata con un secondo posto inattaccabile, la sfida nella Suzuki Rally Cup non permetteva di abbassare la guardia: nonostante un improvviso temporale Pellè non commetteva errori, concludendo il primo ballo, sulla nuova Swift 1.0 turbo boosterjet, con un ottimo sesto finale.

“Alba, come lo scorso anno, si è rivelata una gara davvero difficile” – aggiunge Pellè – “perchè, partendo nelle retrovie, troviamo condizioni del fondo davvero insidiose. Il primo giro ci è servito per prendere confidenza con la nuova vettura, cercando di toglierci la tanta ruggine accumulata dal fermo forzato. Sul secondo giro abbiamo attaccato un po’ di più, mantenendo un buon passo nonostante la strada fosse peggiorata di molto. Sapevamo che sarebbe stata così, sin dal via. Sul terzo ed ultimo passaggio, nonostante il temporale, abbiamo mantenuto la seconda piazza tra le Racing Start ed un ottimo sesto assoluto nella Suzuki Rally Cup. Siamo super soddisfatti perchè avevamo percorso pochi chilometri di test. Ora ci prepariamo per il Ciocco.”



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136