Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Test sierologici, i primi dati nei cinque Comuni trentini: a Vermiglio screening finito, in 1842 hanno aderito

martedì, 12 maggio 2020

Canazei – Prosegue la campagna di test sierologici nei Comuni trentini più colpiti dall’epidemia Covid-19. Il presidente Fugatti a Canazei: “In tutti i Comuni percentuale altissima di affluenza volontaria, non era scontato”.

I DATI
test sierologici“A Canazei siamo oltre il 90% di affluenza volontaria, in questo modo tutti i residenti avranno uno screening totale della propria situazione epidemiologica. Non era scontato ottenere questi numeri, perché l’adesione era volontaria, ma la gente ha risposto in modo importante e in tutti i Comuni l’affluenza è stata altissima”, così il presidente Maurizio Fugatti stamattina in Val di Fassa. Oggi a Canazei sono stati eseguiti 331 e 95 i tamponi. A Vermiglio lo screening è finito: 1842 le persone che hanno aderito, l’81% della popolazione. Stamane iniziati i test epidemiologici a Borgo Chiese.

Il presidente Fugatti, accompagnato dal direttore generale dell’Azienda sanitaria Paolo Bordon, ha incontrato il sindaco Silvano Parmesani, i sanitari e le persone che si sono messe a disposizione per questo importante screening. Anche il consigliere provinciale Luca Guglielmi ha voluto essere vicino alla popolazione.

Canazei, (insieme a Campitello di Fassa, Pieve di Bono-Prezzo, Vermiglio e Borgo Chiese) fa parte del progetto di sorveglianza avviato dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con Provincia autonoma e la supervisione dell’Istituto superiore di sanità. “Il test sierologico è uno strumento che mettiamo a disposizione dei cittadini di questi cinque Comuni – ha aggiunto il presidente Fugatti – , un percorso certificato sotto l’aspetto scientifico e con la supervisione dell’Istituto superiore di sanità. Siamo nell’eccellenza nazionale, così nei cinque Comuni, si può fare un’indagine a tappetto epidemiologica, persona per persona”.

In riferimento al primato del Trentino rispetto al numero di tamponi effettuati, il governatore Maurizio Fugatti ha sottolineato che questo è “Un grande risultato del sistema trentino che in un momento difficile ed emergenziale ha fatto squadra mettendo al centro l’interesse per la salute dei cittadini. Le eccellenze della scienza e della ricerca trentina hanno lavorato con lo stesso obiettivo: tutti i laboratori dell’Azienda sanitaria hanno aumentato in modo importante il numero dei tamponi eseguiti, il Cibio e l’Università si sono messi a disposizione per questa scommessa e la Fondazione Mach sta lavorando per arrivare a regime. Credo che i numeri fatti in queste settimane da parte del mondo della ricerca trentina sia un’eccellenza per noi ed infatti ci ha portato a primeggiare a livello nazionale”.

A Vermiglio – lo screening nel Comune della Val di Sole finisce oggi – il totale generale è di 1492 prelievi e 515 tamponi. Complessivamente, dal 6 maggio ad oggi, l’adesione volontaria è stata di 1842 persone, vale a dire l’81% della popolazione. Stamane ha preso avvio lo screening nell’ultimo dei cinque Comuni trentini, Borgo Chiese: 389 i prelievi effettuati, 183 i tamponi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136