Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Pericolo valanghe in Trentino, scialpinismo e escursioni “sconsigliate”

mercoledì, 9 dicembre 2020

Madonna di Campiglio – Ultimi giorni dell’intensa perturbazione che ha interessato tutto l’arco alpino. In Trentino Alto Adige, situazione ancora critica ma si lavora per un ritorno alla normalità: a causa delle abbondanti nevicate dei giorni scorsi, il pericolo di valanghe è particolarmente alto.

Preoccupano gli sci alpinisti e gli escursionisti, specie nella “zona gialla” trentina in cui le norme del Dpcm in linea teorica permettono l’attraversamento dei confini comunali senza necessità di autocertificazione: i comprensori sciistici sono chiusi almeno fino all’Epifania. Ciò significa che le piste da sci sono chiuse e quindi non percorribili. Inoltre, il soccorso alpino sconsiglia escursioni scialpinistiche in questi giorni, in cui il grado di pericolo è molto alto a causa dell’enorme quantità di neve fresca.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136