Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Passo Tonale: viaggio nella località turistica a San Silvestro

giovedì, 31 dicembre 2020

Passo Tonale – Ultimo dell’anno insolito con il Passo del Tonale mezzo deserto. L’ennesimo lockdown decretato dalle istituzioni ha creato un clima surreale nella stazione sciistica al confine tra Lombardia e Trentino. Negli anni scorsi San Silvestro segnava il culmine della stagione invernale, con il tutto esaurito, sciatori e turisti la maggior parte italiani che nel periodo natalizio che la facevano da padroni. Tanta gente era sulle piste o a passeggio nella località turistica.

Oggi – 31 dicembre 2020 – il paesaggio è eccezionale con metri di neve, ma le restrizioni e gli impianti chiusi forzatamente hanno reso la località turistica “deserta”: bar, ristoranti, alberghi e negozi chiusi con i relativi danni a livello socio-economico causati dalle decisioni adottate, pochissime persone per strada e nella località sono presenti solo una parte dei proprietari di seconde case, visto che molti hanno scelto di rinviare la vacanza sulla neve a quando ci sarà (forse) la sospirata libertà di muoversi.

I presenti ne approfittano per passeggiate, scialpinismo e divertimenti “distanziati” all’aria aperta, utilizzando anche le Fat bike, facendo però attenzione alle note norme di zona rossa e arancione, in base ai giorni del periodo natalizio.

ANCORA NEVE, SPERANZA DI APERTURA IL 18 GENNAIO
Intanto da domani, Capodanno, tornerà il maltempo: l’arrivo di un’intensa perturbazione atlantica porterà altra neve fino a bassa quota e le previsioni degli esperti annunciano almeno mezzo metro di neve entro il weekend al Passo del Tonale. La speranza degli operatori è riaprire il 18 gennaio, ma il “rigore” annunciato da esperti e politici per le prossime settimane non allontana lo spauracchio dell’ennesimo rinvio per una stagione che in diversi comprensori alpini rischia di non avere nemmeno inizio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136