Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Lockdown dello sci, Pontedilegno-Tonale: “Inverno compromesso al 90%, ma pronti a riaprire in caso di ok dal Governo”

martedì, 19 gennaio 2021

Ponte di Legno – Gli impianti di risalita rimangono fermi, la riapertura fissata per il 18 gennaio è slittata nuovamente, questa volta al 15 febbraio. La neve questo inverno è scesa copiosa e avrebbe sicuramente garantito una stagione sciistica fantastica anche tra Valle Camonica e Val di Sole.

Tuttavia la speranza di poter aprire gli impianti non è stata ancora abbandonata, considerando che in quota le condizioni della neve si mantengono ottimali fino alla primavera. “La stagione sciistica a questo punto è compromessa al 90% – spiega il direttore del Consorzio Pontedilegno-Tonale, Michele Bertolini  ma se a febbraio il Governo darà realmente la possibilità di aprire gli impianti di risalita, lo faremo senz’altro. A differenza di altri comprensori sciistici, noi abbiamo il ghiacciaio Presena che rappresenta una risorsa molto preziosa perché ci garantisce una stagione più lunga, che arriva fino a maggio inoltrato”.

Questo, unitamente ai tanto attesi ristori, dovrebbe aiutare tutte le realtà e le attività commerciali del comprensorio. “Questo continuo rimandare la possibile data di apertura degli impianti di risalita ha creato enormi difficoltà a tutto il comparto – prosegue Bertolini -. Pensiamo anche solo alle strutture ricettive: non bastano 24 ore per farle aprire, hanno bisogno di tempo per organizzarsi, trovare il personale, attrezzare le cucine. Il clima di incertezza che stiamo respirando da mesi ormai ha portato enormi difficoltà, ma la voglia di lavorare non è venuta meno”.

In attesa di una data di apertura, che dovrà essere accompagnata da precise linee guida approvate dal Comitato Tecnico Scientifico (per il quale i territori sollecitano da mesi il via libera con continue proposte però non-valutate o rinviate dagli esperti di Roma), il Consorzio ha predisposto alcune modalità di acquisto degli skipass e di accesso alla ski area a favore della tutela degli utenti. Si va dalla vendita online degli skipass, con la possibilità di ricevere a casa la tessera k-card senza dover quindi passare dalla biglietteria, ad un software che in tempo reale fornirà i dati sull’affluenza alle varie aree del comprensorio, ad una app che permetterà di prenotare il posto sugli impianti di risalita (primo accesso). Non resta che aspettare il 15 febbraio, nella speranza che questa data si possa trasformare in un punto fermo, dal quale fare finalmente iniziare la stagione dello sci.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136