Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Covid-19, le modalità dei test volontari per il personale scolastico in Trentino e Lombardia

sabato, 22 agosto 2020

Trento - Una ripresa della scuola in sicurezza passa anche dallo screening al personale scolastico: un test rapido per verificare se si è venuti o meno in contatto con il virus SARS-CoV-2 e si sono sviluppati gli anticorpi. Da lunedì 24 agosto si parte con i test rapidi al personale scolastico. Il personale docente e non docente delle scuole di ogni ordine e grado potrà, in maniera volontaria, contattare il proprio medico di base e prendere un appuntamento per il test rapido su sangue capillare. Se il medico di medicina generale non ha aderito alla campagna di screening – o se non si ha un medico in Trentino – è possibile prenotare il test ai punti prelievo dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari. I test verranno eseguiti dal 24 agosto al 7 settembre. Per chi prende servizio successivamente all’inizio dell’anno scolastico il test sarà effettuato prima dell’effettiva entrata in servizio. In caso di esito positivo del test rapido si procede con il tampone per verificare la possibile infezione in corso. In attesa del tampone e dell’esito si dovrà rimanere in isolamento. La campagna di screening è stata promossa dal ministero della salute.

tamponiIl test è rivolto al personale docente e non docente dei nidi, delle scuola d’infanzia, di quelle primarie e secondarie pubbliche, statali e non statali, paritarie e private e degli istituti di istruzione e formazione professionali. L’adesione allo screening è volontaria.

Il test rapido è gratuito e viene effettuato negli ambulatori dei medici di medicina generale che hanno aderito alla campagna di screening attraverso una piccola puntura del polpastrello con l’ago pungi dito. Ai medici che hanno aderito (oltre il 40%) vengono consegnati i kit con i test e il materiale necessario a eseguire l’esame in totale sicurezza.

Per chi non ha un medico in Trentino o se il medico non ha aderito alla campagna è possibile prenotare il test nei punti prelievo di Apss (Arco, Borgo, Cavalese, Cles, Mezzolombardo, Pergine, Pozza di Fassa, Rovereto, Tione, Tonadico, Trento Centro Servizi Sanitari e Trento Crosina Sartori). La prenotazione del test, senza necessità di impegnativa, va fatta come per i prelievi del sangue tramite FastTreC (https://trec.trentinosalute.net/fast-trec) dal sito di Apss. È possibile prenotarsi già da domani.

I test nei punti prelievo di Apss partiranno lunedì 24 e martedì 25 agosto al Centro per i Servizi Sanitari di Trento e da mercoledì 26 sarà possibile farli in tutti i punti prelievo del territorio.

DISPOSIZIONI IN LOMBARDIA

“Parte lunedì 24 agosto il programma di test sierologici su base volontaria per tutto il personale scolastico, docente e non docente, della Lombardia. Si tratta di 206.687 persone. In poche ore, 9.827 operatori hanno già prenotato il test, la metà dei quali attraverso l’app ‘Salutile’.

Lo annuncia l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, illustrando i contenuti della campagna per la ricerca di anticorpi specifici nei confronti del virus SARS-CoV-2 sul personale scolastico delle scuole pubbliche e paritarie di ogni ordine e grado nell’intero territorio nazionale, in attuazione delle disposizioni nazionali. Lo screening gratuito è dunque rivolto a chi opera nei nidi, nelle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie pubbliche, statali e non statali, paritarie e e negli istituti di formazione professionale.

“Abbiamo attivato tutte le nostre aziende sanitarie e gli iRCCS pubblici – aggiunge l’assessore – per garantire il massimo della tempestività e dell’efficienza sia in fase di prenotazione che di effettuazione del test. La campagna rimane attiva fino domenica 5 settembre con un eventuale prolungamento della finestra temporale fino al 12 settembre in base alle adesioni si presenteranno”.

Sono previste due modalità di svolgimento del programma di screening: mediante il coinvolgimento dei Medici di Medicina Generale che hanno aderito alla campagna e che eseguiranno direttamente il test sierologico e attraverso gli ambulatori dedicati sul territorio messi a disposizione dalle strutture pubbliche (ATS/ASST/IRCCS) presso le quali sarà possibile effettuare il test.

In base alle linee guida ministeriali, la campagna di screening viene effettuata mediante la somministrazione di un test rapido, i tempi per avere l’esito sono di norma entro i 15 minuti pertanto i cittadini dovranno attendere l’esito del test presso le sedi di prelievo.

“Nel caso di esito negativo al test – sottolinea l’assessore al Welfare – il cittadino non ha obblighi né adempimenti da rispettare. Nel caso di positività, l’operatore scolastico deve essere sottoposto al tampone, che sarà effettuato di norma contestualmente alla comunicazione di positività del test e comunque entro le 48 ore successive. Lo stesso deve restare in isolamento fino alla comunicazione dell’esito del tampone”.

Per i cittadini che effettueranno il test presso gli ambulatori territoriali, il tampone verrà effettuato immediatamente presso la medesima struttura (I cittadini dovranno attendere l’esito del test in appositi spazi prima di lasciare l’ambulatorio).

In caso di esito negativo al tampone il cittadino interromperà l’isolamento; se positivo diventerà caso accertato COVID-19, sarà sottoposto all’isolamento obbligatorio e sarà contattato da ATS per l’avvio della sorveglianza e per l’indagine epidemiologica.

LE MODALITA’ DI PRENOTAZIONE

In caso di effettuazione del test presso il proprio Medico di Medicina Generale, la prenotazione da parte del personale scolastico deve avvenire mediante contatto diretto con il MMG.

In caso di effettuazione del test presso i punti prelievo messi a disposizione dagli Enti sanitari che insistono sui territori delle ATS della Città Metropolitana di Milano, della Brianza, di Bergamo, di Brescia, della Val Padana (tabella 1) sono disponibili 3 modalità di prenotazione del test sierologico a partire dalla giornata di giovedì 20 agosto:

1. telefonicamente, chiamando il numero verde regionale 800.638.638 e seguendo le indicazioni dell’albero vocale (sarà disponibile un’opzione dedicata, digitando il numero “9″ e procedendo con la prenotazione tramite operatore);

2. via internet; per prenotare il test sierologico per il personale scolastico tramite internet è possibile collegarsi al sito www.prenotasalute.regione.lombardia.it attraverso la funzione “Gestisci prenotazioni – prenotazione Senza ricetta” selezionando la prestazione “personale scolastico test sierologico”;

3. attraverso l’app SALUTILE PRENOTAZIONI, procedendo con la prenotazione attraverso la funzione “prenotazione senza ricetta” selezionando la prestazione “personale scolastico test sierologico”.

In caso di effettuazione del test presso i punti prelievo messi a disposizione dagli Enti sanitari che insistono sui territori delle ATS dell’Insubria, della Montagna, di Pavia occorre contattare direttamente le ATS oppure seguire le indicazioni pubblicate sulle relative pagine web.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136