Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Covid 19: in Trentino 18 decessi in un giorno, la situazione

mercoledì, 25 marzo 2020

Trento – “E’ una giornata triste, oggi se ne sono andate altre 18 persone che hanno dato tanto e contribuito a costruire il Trentino. A tutte le famiglie vanno la nostra vicinanza e le condoglianze”. E’ il commento del presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, che ha svelato i dati su contagi e decessi. Nelle ultime 24 ore si contano 177 nuovi contagi, che salgono complessivamente a 2001 unità, di cui 1117 persone a domicilio, 286 persone ricoverate, 22 in terapia seminvasiva, 65 in terapia intensiva e gli altri ospiti presso le Rsa. I decessi dall’inizio del’emergenza sono 74, le persone guarite 90.

Fugatti 1GLI INTERVENTI - Il Governatore del Trentino ha poi ricostruito l’attività della giornata, con i provvedimenti adottati dalla Giunta provinciale in termini economici e l’incontro in videoconferenza con i presidenti e rappresentanti di Comunità di Valle, mentre l’assessore provinciale alla Salute, Stefania Segnana, ha evidenziato l’attività che i servizi sociali delle Comunità di Valle svolgono sul territorio e le iniziative che sono state avviate nei confronti delle persone disabili con anche deroghe sulle precrizioni.

Il direttore di Apss Trento, Paolo Bordon, ha fatto il punto sui posti letto disponibili che stanno crescendo di giorno in giorno: al Santa Chiara di Trento le persone ricoverate in Terapia Intensiva sono 42, con 46 posti letto che andranno ad aumentare di altre 4 unità entro le prossime ore, mentre all’ospedale di Rovereto sono 26 e macchinari per altri 3 posti all’ospedale di Cles.

Una novità, svelata dal dottor Paolo Bordon, è la disponibilità data dallo chef stellato Alfio Ghezzi, che da domani sarà all’ospedale di Rovereto presso il Covid 19 hospital e preparerà per gli operatori dei piatti.

Il dottor Antonio Ferro, dirigente di Apss Trento, ha fatto il punto sui contagi nelle Rsa, che hanno registrato un +8 rispetto a ieri, con complessivi 384 casi, e indicato un rallentamento di contagi anche all’interno delle Rsa.

Invece la dottoressa Simona Sforzin (nella foto), direttrice area cure primarie di Apss Trento, ha illustrato l’attività nella struttura di Mezzolombardo (Trento) dove tra l’altro sono entrati in servizio 5 giovani medici e le cure rivolte ai pazienti.

I DATI - Il presidente Fugatti e l’assessore Segnana hanno infine svelato i dati su decessi e contagi, I decessi sono 18, di cui 11 donne e 7 uomini, e sono avvenuti tra gli ospeiti delle Rsa di Mezzolombardo, Villa Regina, Dro, Pergine, Pinzolo e Ledro e gli ospedali di  Arco, Cles, Cavalese e Trento.

Dei 177 nuovi contagi, di cui 102 con persone sottoposte a tampone, le zone maggiormente colpite sono così articolate: 20 nuovi contagi (270 complessivi) a Trento,  11 (182) ad Arco, 9 (63) a Riva del Garda, 1 (45) a Dro, 7 (115) a Ledro, 4 (51) a Borgo Chiese, 3 (14) a Bleggio Superiore, 1 (40) a Pinzolo, 1 (6) a Carisolo, 1 (29) a Tione, 1 (29 ) a Cavedine, 2 (14) a Predaia,  1 (3 ) a Ton, 1 (8) Tenno, 3 (15) a Cles, 1 (10) Pellizzano e 1 (43) a Vermiglio e 3 (60) a Canazei,

Alla domanda se a Pasqua ci saranno minori restrizioni, il presidente Fugatti ha risposto: “la data mi sembra molto vicina, però sarà valutata l’evoluzione dell’emergenza e si seguiranno le indicazioni del Governo”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136