Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Short Track, ai Mondiali di Dordrecht l’Italia va a caccia di medaglie

mercoledì, 3 marzo 2021

Quando:
4 marzo 2021@16:55–17:55 Europe/Rome Fuso orario
2021-03-04T16:55:00+01:00
2021-03-04T17:55:00+01:00

Da venerdì 5 a domenica 7 marzo in Olanda la rassegna iridata che chiude la stagione: la Nazionale azzurra si affida ad Arianna Fontana e Martina Valcepina ma punta forte anche sulle staffette.

Due giorni al via dell’evento più atteso della stagione. Il ghiaccio di Dordrecht, in Olanda, da venerdì 5 a domenica 7 marzo sarà teatro dei Mondiali 2021 di short track, l’appuntamento clou di questi mesi dopo le tante vicissitudini che hanno scosso il calendario di gare per via del protrarsi della pandemia di Covid 19.

Pur falcidiata dalle cancellazioni, la stagione 2020-21, dopo gli Europei di Gdansk, riesce così almeno a proporre quella rassegna iridata cancellata invece lo scorso anno a Seul. Una manifestazione ricca di fascino a cui l’Italia si avvicina con fiducia e convinzione. Complice anche l’assenza di avversari importanti – le nazionali di Cina, Corea del Sud e Giappone ma pure la canadese Kim Boutin e la britannica Elise Christie -, la Nazionale tricolore vuole giocare un ruolo da protagonista, forte delle belle performance offerte agli Europei.

Tra i dieci atleti convocati – Arianna Fontana (IceLab), Cynthia Mascitto (Skating Club Courmayeur), Arianna Sighel (Fiamme Oro), Arianna Valcepina (Fiamme Gialle), Martina Valcepina (Fiamme Gialle), Tommaso Dotti (Fiamme Oro), Yuri Confortola (C.S. Carabinieri), Pietro Sighel (Fiamme Gialle), Luca Spechenhauser(Carabinieri) e Davide Viscardi (Esercito) – spicca il ritorno di Arianna Fontana, che a Dordrecht farà il suo esordio stagionale intenzionata a sfatare il tabù del titolo mondiale overall che ancora manca al suo ricchissimo palmares.

La tenacia della campionessa valtellinese rappresenterà una freccia importantissima nell’arco azzurro che potrà comunque contare anche sulla classe di Martina Valcepina, sul talento di Pietro Sighel e sulla solidità delle sue staffette. In ottica gara a squadra da sottolineare soltanto l’infortunio di Cassinelli che, elemento chiave nel quartetto maschile, toglie qualche certezza al team tricolore.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136