Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Nuovo biotopo Spinai a Malles Venosta

giovedì, 18 febbraio 2021

Quando:
4 marzo 2021@14:55–15:55 Europe/Rome Fuso orario
2021-03-04T14:55:00+01:00
2021-03-04T15:55:00+01:00

La Giunta provinciale in questi giorni (16 febbraio), su proposta dell’assessora alla natura, paesaggio e sviluppo del territorio Maria Hochgruber Kuenzer, ha deciso di accogliere le richieste del Comune di Malles Venosta di modificare il Piano paesaggistico. La modifica concerne la trasformazione da pascolo e verde alpino in verde agricolo e l’individuazione del biotopo Spinai, come richiesto dal Comune. L’obiettivo è preservare le zone umide e i boschi di ontano presenti che rappresentano un alto valore ecologico. “Apprezzo la responsabilità del Comune che ha proposto la compensazione ambientale tramite l’individuazione di un nuovo biotopo. La tutela del paesaggio è un atto di responsabilità per il territorio senza perdere di vista anche il suo utilizzo, ma all’insegna della sostenibilità”, fa presente l’assessora Maria Hochgruber Kuenzer.

Un nuovo biotopo a comensazione

La richiesta di trasformazione e di modifica è stata accolta dalla Giunta provinciale, che ha fatto proprie le indicazioni dell’Ufficio pianificazione paesaggistica, avvallate dalla Commissione per la natura, il paesaggio e lo sviluppo del territorio. L’area interessata dalla trasformazione da pascolo e verde alpino in verde agricolo ha una superficie di poco più di 186.000 metri quadri. L’Amministrazione separata B.U.C. di Malles, che ne è proprietaria, potrà ora avviare su questi terreni coltivazioni biologiche. Come chiesto dal Comune, quale compensazione per la trasformazione, le superfici adiacenti e rimanenti di pascolo, per una superficie totale di 41,6 ettari a nord dell’abitato, diventeranno un biotopo, il biotopo Spinai. Dal momento che l’area è già utilizzata come pascolo primaverile e autunnale, tramite l’elaborazione di un piano di pascolo, come indicato dagli esperti, dovrà essere definito l’esatto numero di capi di bestiame che potrà pascolare in futuro nell’eventualità che la parte più intensiva venga data in affitto a privati. Si dovrà, infatti, evitare che il carico del pascolo aumenti rispetto all’utilizzo attuale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136