Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Lombardia, aggressioni al personale sanitario: discussione in Aula

giovedì, 18 giugno 2020

Quando:
30 giugno 2020@13:00–14:00 Europe/Rome Fuso orario
2020-06-30T13:00:00+02:00
2020-06-30T14:00:00+02:00

Sarà discusso dal Consiglio regionale nella seduta del 30 giugno il progetto di legge bipartisan per contrastare i sempre più frequenti episodi di violenza nei confronti degli operatori sanitari. Il progetto di legge, frutto del gruppo di lavoro coordinato dai consiglieri Franco Lucente (FdI) e Carmela Rozza (PD), è stato approvato ieri all’unanimità nella seduta congiunta delle Commissioni Affari istituzionali (presieduta da Alessandra Cappellari – Lega) e Sanità (presieduta da Emanuele Monti – Lega).

Soddisfazione per il varo del provvedimento, frutto dell’abbinamento di due distinti progetti di legge, è stata espressa dai rispettivi primi firmatari, Lucente e Rozza, rispettivamente primi firmatari di due distinti progetti di legge sul tema, poi abbinati dopo un intenso confronto nel gruppo di lavoro.

Da oltre un anno porto avanti con convinzione questo progetto di legge che ora arriva all’attenzione dell’Assemblea lombarda – ha dichiarato Franco Lucente –. Un risultato molto atteso dagli operatori e di cui ringrazio tutti i consiglieri”.

Si tratta di un passo avanti importante perché abbiamo dato forza di legge alla tutela del personale in servizio nei nostri ospedali, di fronte al fenomeno delle aggressioni delle quali sono vittime – ha sottolineato la consigliera Rozza -. Il testo approvato dalla due Commissione è il risultato dello sforzo profuso dal gruppo di lavoro, di cui sono stata componente, e che è riuscito a fare una sintesi di due testi, rendendo efficace il documento

Il provvedimento, che non specifica le tipologie di intervento da attuare, prevede di fornire al Servizio Sanitario Regionale, sulla base di linee guida predisposte dalla Direzione regionale Sanità, indirizzi tecnico-organizzativi e procedurali comuni su tutto il territorio lombardo per prevenire e gestire il rischio in ambito lavorativo.

Un Tavolo tecnico, cui parteciperanno Regione, direttori degli ospedali, organizzazioni sindacali di medici ed infermieri ed altre figure tecniche, sarà di supporto alla DG Welfare per studiare provvedimenti in tema di sicurezza sui posti di lavoro, sulla base di dati relativi alle aggressioni al personale.

Nello specifico, le norme si applicano alle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private accreditate, le Agenzie di tutela della salute (ATS) e l’Agenzia regionale emergenza urgenza (AREU).

Il monitoraggio sugli episodi di violenza ai danni del personale sanitario, nonché il controllo sull’applicazione delle Linee guida sarà svolto dall’Agenzia di Controllo del Servizio Socio-Sanitario lombardo (ACSS), che sugli esiti dell’attività svolta predisporrà una relazione annuale da trasmettere alla Giunta e al Consiglio regionale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136