Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Basket, EuroCup: Boulogne Metropolitans 92 – Dolomiti Energia Trentino

domenica, 24 gennaio 2021

Quando:
26 gennaio 2021@18:45–19:45 Europe/Rome Fuso orario
2021-01-26T18:45:00+01:00
2021-01-26T19:45:00+01:00

Boulogne Metropolitans 92 (2-0) vs. Dolomiti Energia Trentino (1-1)

Round 3 – Top 16 7DAYS EuroCup | BLM Group Arena, Trento

Martedì 26 gennaio | ore 18.45 | Eurosport Player 

Game Notes (.pdf) | Kinesi Injury Report

Possibili quintetti

Metropolitans
G – David Michineau, G – Archie Goodwin, F – Anthony Brown, F – Maxime Roos, C – Vitalis Chikoko

Trento
G – Gary Browne, G – Jeremy Morgan, F – Kelvin Martin, F – Luke Maye, C – JaCorey Williams

1) Cose da coppa

La Dolomiti Energia Trentino mercoledì contro il Lokomotiv Kuban è tornata a vincere una partita di Top 16 di 7DAYS EuroCup: dopo la sconfitta nel Round 1 con il Partizan e il bilancio di 0-6 nella seconda fase di coppa della scorsa stagione, in bianconeri si sono sbloccati con una prestazione di alto livello sui due lati del campo. Il successo dell’Aquila ha rilanciato le ambizioni dei trentini nell’equilibrato gruppo F che dopo due turni vede il Boulogne Metropolitans in testa (2-0) seguito dalle due squadre bianconere (Trento e Partizan Belgrado 1-1) e dal Loko (0-2).

Il doppio confronto con i francesi nel giro di sette giorni (martedì prossimo c’è subito la rivincita a Trento) sarà lo spartiacque della campagna europea dei ragazzi di coach Nicola Brienza, che contro la sorprendente formazione transalpina vanno a caccia di punti pesanti per arrivare alle ultime due sfide con Partizan e Kuban, in programma dopo la pausa coppa Italia e nazionali, con tra le mani il proprio destino in ottica qualificazione ai quarti di finale.

2) Lunghi

In un momento della stagione complicato da qualche passo falso in campionato, i bianconeri per quanto possibile possono godersi l’ottimo momento di forma e di efficacia della coppia di lunghi americana formata da Luke Maye e JaCorey Williams.

L’ala prodotto di North Carolina classe ’97 è reduce da due ottime doppie-doppie che lo hanno reso prima addirittura il miglior giocatore di tutto il Round 2 di EuroCup (25 punti e 15 rimbalzi) e poi ieri sera contro Reggio uno degli ultimi ad arrendersi nella sconfitta di campionato (16 punti e 10 rimbalzi).

Williams invece settimana dopo settimana si sta sempre più confermando come una delle colonne portanti della squadra sui due lati del campo: i 20 punti mandati a referto contro Reggio Emilia hanno portato a otto le sue prestazioni da 20 o più punti realizzati in stagione (sono cinque quelle di Browne, un paio a testa per gli altri USA di Trento), e ha mantenuto Corey al vertice delle graduatorie di squadra per le medie in punti (16,0) e rimbalzi (7,4).

3) I francesi

La formazione francese è una delle grandi sorprese di questa edizione di EuroCup: dimenticate lo sfavillante talento individuale di Partizan e “Loko”, la forza dei transalpini sono compattezza, solidità e capacità di eseguire. La fisicità a disposizione di coach Jure Zdovc (già avversario dell’Aquila da allenatore del Cedevita nel 2017-18) fa il resto: è con mente lucida e gerarchie chiare che i francesi non solo hanno chiuso al primo posto il competitivo girone B di regular season, ma si sono anche “permessi” di vincere con Loko e Partizan nei primi due Round di Top 16.

Pochi fronzoli, tanta sostanza: quella infusa dal leader David Michineau, playmaker da 8,3 punti e 3,9 assist di media, ma esaltata anche dalla batteria degli stranieri. Archie Goodwin e Anthony Brown (ex Partizan) viaggiano entrambi a oltre 13 punti di media in EuroCup, il nuovo arrivato Paul Stoll (piccolo ma letale play messicano) e il centrone Vitalis Chikoko formano un asse portante ben sorretto anche dallo slavo Miralem Halilovic (match winner contro il Partizan). Pinault, Roos e Konate completano le rotazioni con capacità di lottare a rimbalzo, giocare spalle a canestro e colpire dall’arco dei 6.75.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136