Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Arco, La febbre di Gennaro

lunedì, 28 settembre 2020

Quando:
30 settembre 2020@20:30–21:30 Europe/Rome Fuso orario
2020-09-30T20:30:00+02:00
2020-09-30T21:30:00+02:00

Per la Settimana dell’Accoglienza la biblioteca civica «Bruno Emmert» di Arco in collaborazione con Caritas Arco e l’associazione Arcobaleno propone mercoledì 30 settembre alle 20.30 al Centro giovani intercomunale Cantiere 26 la proiezione del recente documentario di Daniele Cini «La febbre di Gennaro». A seguire l’incontro con Gennaro Giudetti, operatore umanitario di Medici senza Frontiere, e il collegamento in remoto con il regista Daniele Cini. Informazioni e prenotazioni: 0464 583657, arco@biblio.infotn.it.

 

Cosa spinge un ragazzo di 19 anni nato e cresciuto a Taranto, figlio di artigiani, con la disoccupazione come orizzonte probabile, a lasciare tutto e a dedicarsi anima e corpo ad aiutare gli ultimi della terra? Non è tanto una scelta religiosa, né solamente etica o politica, a motivare le scelte fatte negli ultimi nove anni da Gennaro Giudetti, che oggi ha 28 anni. C’è una specie d’irrequietudine, di febbrile bisogno di rendersi utile, di sete di giustizia, che emerge continuamente dai suoi racconti e dalle immagini che hanno testimoniato alcuni percorsi della sua vita: troppo grandi per la sua giovane età, ma anche possibili proprio grazie ad essa, grazie a una testarda, coraggiosa (e forse perfino un po’ incosciente) energia di ventenne, che ha scelto la via del volontariato in zone ad alto rischio.

 

La vicenda di Gennaro raggiunge uno dei punti drammatici più alti il 6 novembre del 2017, quando, partito come mediatore culturale, in una nave dell’organizzazione non governativa Sea Watch nel Mediterraneo, si trova a dover affrontare direttamente la decisione di salvare la vita di qualcuno e di lasciare invece altri al proprio destino. Una scelta terribile, sproporzionata al suo compito e alla sua età. Da quel giorno, che è stato interamente ripreso dalle telecamere della ONG, Gennaro diventa il testimone pubblico di quel disastro umanitario. Televisioni, istituzioni, persino il Parlamento europeo: tutti vogliono ascoltarlo.

 

La sua vita accelera sempre di più: lo incontriamo di ritorno dal Niger, per capire come aiutare i disperati che attraversano il deserto, poi lo seguiamo in Colombia, in un territorio colpito da una guerra civile, dove si espone come scorta disarmata a difendere quei contadini minacciati dagli squadroni della morte, poi in Palestina ad accompagnare a scuola i bambini palestinesi, in Libano per un corridoio umanitario coi profughi siriani, poi di nuovo il mare… e infine in Congo per combattere l’Ebola e il colera. Qui con Medici Senza Frontiere Gennaro oggi ha finalmente coronato il suo sogno di diventare operatore umanitario.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136