Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ala, un nuovo centro polifunzionale della protezione civile

sabato, 23 gennaio 2021

Quando:
26 gennaio 2021@17:00–18:00 Europe/Rome Fuso orario
2021-01-26T17:00:00+01:00
2021-01-26T18:00:00+01:00

Ad Ala nascerà un nuovo centro polifunzionale di protezione civile nell’area ex Pasqualini, dove saranno collocate diverse funzioni pubbliche, oggi disperse sul territorio in spazi non più adeguati. Il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha incontrato il sindaco di Ala Claudio Soini per discutere di questa importante opera, a pochi giorni dalla firma della convenzione tra i due enti che vede il coinvolgimento di un importante attore come Patrimonio del Trentino spa. Nel corso del colloquio, i due rappresentanti istituzionali hanno fatto il punto anche su altri interventi quali il rifacimento del ponte sull’Adige nella frazione di Chizzola e il compendio scolastico, che comprende la scuola elementare ex convitto Silvio Pellico e la nuova scuola media Battisti. Il presidente ha evidenziato come i lavori pubblici siano la leva più importante di cui dispone l’Amministrazione provinciale per azionare i meccanismi di ripresa economica, e rappresentino uno strumento di grande valore per sostenere lo sviluppo del territorio.

Il centro polifunzionale di protezione civile sarà realizzato nel compendio ex Pasqualini, già acquistato dalla Patrimonio del Trentino spa. Qui troveranno spazio diverse funzioni pubbliche e servizi di competenza prevalentemente comunale che oggi risultano collocate in posti diversi. Tra questi vi sono la caserma dei vigili del fuoco volontari di Ala, le sedi del Corpo forestale, del Soccorso alpino e speleologico e della Stella d’oro Bassa Vallagarina, i locali del cantiere comunale, la sede del Corpo di polizia municipale Ala-Avio e il servizio di custodia forestale.
La realizzazione del nuovo compendio scolastico è inserita nell’elenco delle opere strategiche alle quali la Giunta ha assicurato il “monitoraggio” da parte di un supervisore, con l’obiettivo di agevolarne la realizzazione sotto il profilo tecnico. Per quanto riguarda la nuova scuola Battisti, il Servizio opere civili dell’Agenzia provinciale per le opere pubbliche sta compiendo attualmente la verifica del progetto esecutivo, a cui seguirà l’approvazione del progetto da parte del Comune di Ala: è prevista una spesa complessiva di 16,2 milioni di euro, di cui 13,8 milioni per lavori, inclusa la demolizione dell’edificio esistente. L’inizio dei lavori potrà avvenire nel corso del 2023, in quanto subordinato all’ultimazione dei lavori di risanamento conservativo dell’ex convitto “Silvio Pellico”, destinato ad ospitare la nuova scuola elementare di Ala (l’inizio dei lavori è stimato per fine estate – autunno del 2021, mentre l’importo complessivo dell’intervento, comprensivo delle varianti, è di 11,1 milioni di euro), e dopo la demolizione dell’attuale edificio della scuola media, la quale nel frattempo sarà stata trasferita provvisoriamente nell’edificio attuale delle scuole elementari. Di conseguenza, la procedura d’appalto sarà avviata in tempo utile per il rispetto della data “obbligata” di avvio dei lavori, prevedibile, come detto, nel corso del 2023.
Infine, nel corso di quest’anno si procederà con l’avvio della progettazione dei lavori di rifacimento del ponte sull’Adige all’altezza di Chizzola, che collega la strada statale 12 dell’Abetone e Brennero e la strada provinciale 90 Destra Adige. L’opera è stata inserita nel Documento di programmazione settoriale degli anni 2020-2022. La realizzazione dell’infrastruttura a cura del Servizio opere stradali e ferroviarie comporterà un investimento del valore di 7 milioni di euro. L’intervento prevede la demolizione e il rifacimento ex-novo del ponte: un intervento necessario soprattutto per ragioni idrauliche, oltre che per adeguare il nuovo manufatto ai carichi previsti dalle recenti normative.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136