Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento, Alberto Pattini insignito della medaglia d’oro “Negrelli”

martedì, 28 luglio 2020

Trento – Una cerimonia semplice, ma molto sentita quella che si è tenuta oggi: Alberto Pattini è stato insignito della massima onorificenza - medaglia d’oroGiuseppina Negrelli” – per il suo costante impegno ventennale nel raccontare la storia della terra trentina

Pattini - riconoscimentoEcco le motivazioni che hanno portato la Federazione Schutzen, partendo dal landeskomandant Ezio Cestari ad insignire Alberto Pattini (nella foto da sinistra Alberto Pattini ed Ezio Cestari) con la medaglia d’oro Giuseppina Negrelli.

“Per il suo costante impegno, di durata decennale, nel ricordare la storia della nostra terra e a difendere la nostra identità. Tale attività si è espressa in vari modi fra i quali: le pubblicazioni di libri riguardante la storia della nostra terra, andando indietro nel tempo; la richiesta di posizionare in qualche parte della città di Trento una scultura in legno raffigurante uno Standschuetzen ora conservata al forte di Cadine.

In tempi più recenti si è attivato presso il Consiglio comunale di Trento per il posizionamento di una targa per ricordare gli oltre 1.100 soldati di Trento e sobborghi appartenenti all’esercito austro-ungarico caduti nella prima mondiale 1914 – 1918, pubblicando una ricerca con nomi e cognomi di tutti i caduti di Trento e sobborghi. Posizionamento avvenuto il 26 luglio 2008.

Pattini - riconoscimento 1

Inoltre si è attivato presso il Consiglio comunale di Trento per dedicare un angolo della città ad Andreas Hofer, inaugurazione avvenuto il 20 dicembre 2019, e per la salvaguardia del ex casino di bersaglio in Trento salvandolo dal previsto abbattimento ed opera tuttora per il suo restauro”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136