Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Vertice sulla sicurezza stradale in Prefettura a Sondrio

venerdì, 24 gennaio 2020

Sondrio – Prevenzione degli incidenti stradali. E’ questo il messaggio che è risuonato stamani in Prefettura a Sondrio dove si è riunito l’osservatorio sull’incidentalità stradale. Questa mattina in Prefettura a seguito della direttiva del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese dello scorso 9 gennaio, si è svolto un vertice sulla sicurezza stradale che ha richiamato l’attenzione sull’ importanza di prevenire e contrastare, con ogni mezzo possibile, la perdita di vite umane che si registra sulle strade del territorio nazionale.

Vigili fuoco - ValtellinaAll’incontro, convocato dal prefetto Salvatore Pasquariello, hanno partecipato i vertici delle forze dell’ordine, carabinieri, Polizia stradale, vigili del fuoco, Guardia di Finanza e i Comandanti delle Polizie Locali dei Comuni “Capi Mandamento”. Al tavolo anche i rappresentanti degli enti proprietari delle strade (ANAS e Provincia) e le altre componenti dell’Osservatorio per il monitoraggio degli incidenti stradali (vigili del fuoco, INAIL, ACI, ATS Montagna, Ufficio provinciale della Motorizzazione Civile).
Obiettivo dell’incontro la necessità di elaborare strategie di prevenzione, muovendo in primo luogo dall’ analisi del fenomeno.

Il Prefetto ha comunicato che sono in corso iniziative sull’argomento anche con il dirigente dell’Ufficio Scolastico provinciale ed ha indicato le seguenti, specifiche finalità dell’Osservatorio: il monitoraggio costante sul numero e le tipologie degli incidenti occorsi, preordinato all’individuazione di strategie di contrasto; - la pianificazione coordinata degli interventi delle Forze dell’Ordine e delle Polizie Locali; il monitoraggio e la misurazione dell’efficacia degli interventi posti in essere anche con riferimento ai profili di vulnerabilità del sistema di prevenzione generale ed alla verifica dell’effettività delle sanzioni irrogate e lo sviluppo di sinergie istituzionali, anche mediante la predisposizione ed attivazione di progettualità mirate.

Inoltre ha reso noto che il coordinamento operativo e la raccolta dei dati relativa ai servizi svolti vengono curati dalla sezione della Polizia stradale di Sondrio, che svolge il ruolo di Segreteria Tecnica dell’Organismo di cui si tratta, deputata all’elaborazione dei risultati conseguiti, per ogni ulteriore esigenza di analisi e verifica.

Salvatore PasquarielloDall’esame dei dati sugli incidenti stradali nella provincia di Sondrio nel triennio 2017- 2019, sono emersi i seguenti risultati:439 incidenti con 13 decessi nel 2017; 454 incidenti con 22 decessi nel  2018, e 410 incidenti con 5 decessi nel 2019. Gli incidenti stradali con feriti, dal 2017 al 2018, sono aumentati del 3,4% e dal 2018 al 2019 sono diminuiti del 9,7%, mentre gli incidenti con decessi dal 2017 al 2018 sono aumentati del 69,2% e dal 2018 al 2019 sono diminuiti del 67,3%.

Ora – su indicazione del Prefetto Pasquariello (nella foto a lato) – verranno raccolti tempestivamente i dati circa l’andamento dei sinistri stradali occorsi tra il 2014 ed il 2018, al fine di individuare con esattezza le linee di tendenza rispetto al triennio considerato, nonché di invitare a partecipare alla prossima riunione dell’Osservatorio i rappresentanti di AREU 118, della Commissione medica provinciale patenti e dell’ANIA – Associazione delle assicurazioni, al fine di acquisire i dati in loro possesso.

Il prefetto ha infine evidenziato la necessità, una volta in possesso di tutti i dati di analisi che verranno assicurati dall’Osservatorio, di individuare e perfezionare percorsi strategici condivisi, con il coinvolgimento delle Amministrazioni locali, da cui avviare una serie di interventi (informativi, di educazione alla guida sicura, di repressione di comportamenti illeciti e, non ultimo, di revisione delle condizioni della viabilità e degli attraversamenti stradali) che possano risultare di ausilio nella prevenzione e nel contrasto delle condotte che, sulla base della casistica che risulterà a disposizione a livello locale, rappresentano le principali cause di incidenti stradali.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136