Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento, la città ha dato l’ultimo saluto a Sergio Bernardi

lunedì, 25 maggio 2020

Trento – Ultimo saluto nel pomeriggio a Sergio Bernardi, giornalista, editore e promotore del premio “Trentino dell’anno”, morto a 83 anni. Originario di Medolla (Modena), si è trasferito fin da giovane a Bologna, quindi a Trento dove si è laureato in Sociologia. Sergio Bernardi (nella foto) è stato un infaticabile organizzatore di cultura, un artista ed ha diretto la rivista “Uct – Uomo città territorio” per quasi mezzo secolo. Nel 2011 Vittorio Sgarbi l’ha chiamato alla Biennale di Venezia, uno dei momenti più importanti dell’attività culturale di Sergio Bernardi.

BernardiLa figlia Katia Bernardi ricorda con grande affetto il padre: ha lavorato fino alla fine ai suoi progetti, aveva un amore enorme per la vita, per la libertà, per la Resistenza. “Voleva bene alle persone – spiega – per lui i rapporti erano profondi o non esistevano, non sopportava il formalismo. Abbiamo festeggiato il suo compleanno il 18 marzo via Skype a causa dell’emergenza sanitaria”.

“Il dolore è immenso, ma c’è anche tanto amore intorno a lui e alla nostra famiglia”, conclude Katia Bernardi.

Nel pomeriggio l’addio a Sergio: la cerimonia civile si è svolta all’aperto di fronte alla scalinata della camera mortuaria del cimitero di Trento e alla presenza di familiari, amici e persone che hanno voluto portare il loro saluto.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136