Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, denunciato dai carabinieri ladro seriale

venerdì, 17 luglio 2020

Trento - Denunciato dai carabinieri di Trento ladro seriale. Ha tentato di appropriarsi di una bicicletta nuova presso un negozio di noleggio di Vason senza essere notato ma, alla vista del proprietario, accortosi dei movimenti alquanto sospetti dell’uomo, si era allontanato velocemente a bordo di un’autovettura. Immediata la telefonata al 112 NUe che allertava la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Trento che inviava sul posto i Carabinieri della Stazione di Vaneze Monte Bondone i quali, sulla base delle prime informazioni, esperivano gli immediati accertamenti e le indagini del caso che permettevano in brevissimo tempo di risalire all’identità dell’uomo, il quale, tra l’altro, si era dato alla repentina fuga a bordo di un’autovettura risultata oggetto di furto ed asportata nella notte precedente in Trento.

112 carabinieri largeNel dettaglio una congiunzione di eventi ha portato negli stessi momenti a ricevere plurime chiamate presso la stazione di Vaneze Monte Bondone: alcune tese ad avvertire i Carabinieri dell’avvenuto tentato furto di bicicletta in Vason e della fuga del reo a bordo di un’autovettura, tempestivamente e utilmente fotografata dalla vittima, e le altre finalizzate a richiedere il soccorso nei boschi limitrofi alla sottostante frazione di Vaneze nei confronti di una persona caduta mentre percorreva un sentiero di montagna e necessitante di aiuto.

L’immediata attivazione dei carabinieri su entrambi i fronti ha permesso in poco tempo, da un lato, di accertare il reato commesso a Vason e di allertare le ricerche dell’autovettura in fuga, del cui modello e targa i Carabinieri erano subito venuti in possesso, accertandone tra l’altro la natura delittuosa, in quanto oggetto di furto avvenuto nella notte precedente da un’azienda del capoluogo, e, dall’altro di soccorrere il giovane caduto ed infortunatosi sul percorso di un sentiero tra i boschi di Vaneze.

L’arrivo dei carabinieri sul luogo del soccorso della persona caduta ha insospettito gli stessi; la presenza di un giovane “escursionista” non in abiti propriamente adatti ha indotto i militari ad approfondire, nel contesto delle operazioni di soccorso e nell’attesa del personale sanitario, le reali motivazioni sulla presenza del giovane nell’area boschiva.

Malgrado la reticenza del giovane sull’omettere il perché della sua presenza sul Monte Bondone, l’intervento dei Carabinieri ha permesso in poco tempo non solo di rinvenire l’autovettura “da ricercare” in area prossima al luogo dell’ “inciampo per boschi”, ma anche e soprattutto di riconoscere il malcapitato infortunatosi nella persona che pochi minuti prima aveva tentato di appropriarsi della bicicletta dal centro noleggio e di dileguarsi a bordo di autovettura, oggetto di furto. Per tale motivo, il giovane 26enne romeno è stato denunciato



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136