Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Tassista abusivo denunciato dai carabinieri di Desenzano

domenica, 22 settembre 2019

Desenzano del Garda -  Tassista abusivo denunciato dai carabinieri della Compagnia di Desenzano del Garda (Brescia).
Continua incessante l’attività svolta dai militari del Comando Provinciale dei Carabinieri di Brescia nella prevenzione dei reati e soprattutto nella prevenzione dei fenomeni delittuosi che creano un sentimento di insicurezza nella popolazione. In particolar modo, nel corso di quest’ultimo fine settimana, i Carabinieri della Compagnia di Desenzano del Garda hanno svolto diversi servizi coordinati nel controllo del territorio ovvero delle persone e dei veicoli circolanti su tutto il basso Garda.

L’altra notte sei reparti della Compagnia sono stati impegnati in un unico servizio coordinato del territorio di Calcinato durante il quale l’azione è stata particolarmente concentrata nella delicata attività di prevenzione degli incidenti stradali, le tristemente note “stragi del sabato sera”, ed al controllo di vari esercizi pubblici. Sei le patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza, quattro delle quali con tassi alcolemici tra l’1.26 e l’1.9 grammi per litro di sangue, tutte a giovani al di sotto dei trent’anni, provenienti dal veronese e dal bresciano, tra cui una donna. Inoltre, due sono state le persone segnalate quali assuntori di sostanze stupefacenti poiché trovate in possesso di alcuni grammi di sostanza del tipo cocaina. Il culmine è stato raggiunto questa domenica all’alba. Un bresciano classe 64, pensava come al solito di averla fatta franca, di aver avuto l’ennesima opportunità di guadagno esentasse nello svolgimento del suo lavoro da lui considerato corretto ed utile per la cittadinanza. Purtroppo i Carabinieri hanno rovinato i suoi piani. Infatti, individuato da un equipaggio in abiti civili fuori ad un locale notturno desenzanese dopo aver caricato a bordo della sua autovettura 5 ragazze per riaccompagnarle a casa, allo scopo di eludere il controllo di polizia da parte dei militari che lo hanno fermato, non ha esitato a mostrare loro il suo tesserino da Agente di Polizia Penitenziaria abilmente contraffatto. Ma è stato proprio questo atteggiamento ad insospettire ulteriormente gli operanti che hanno iniziato ad approfondire la situazione. Quattro ragazze hanno sin da subito dichiarato di non conoscere il soggetto e di aver accettato un passaggio senza versare alcun corrispettivo al tassista abusivo, in quanto parente di una di loro. Ma la loro tesi subito è crollata. Infatti la “nipote” non conosceva nemmeno il nome dello “zio”, e la conferma definitiva è giunta dalle dichiarazioni rese dall’ultima ragazza che ha testimoniato: le cinque avevano pagato 100 euro per il trasporto da/per casa/locale notturno. Per l’autista, pertanto, è scattato il fermo amministrativo del mezzo, una sanzione pecuniaria di 173 euro ed una denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Brescia per “usurpazione di funzioni pubbliche” – “uso di atto falso” – “falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri”. Di fatti, inoltre, ha dichiarato di essere stato collocato in congedo dal 2018 ed aveva fatto una copia del documento personale di riconoscimento “solo per ricordo”. Per le ragazze trasportate, invece, è scattata la denuncia per “falsa attestazione o dichiarazione a pubblico ufficiale”: questa bugia costerà alle giovani il rischio della reclusione da 1 a 6 anni.

Quest’ultima domenica sono state numerose le Pattuglie impiegate tra i reparti del Comando Compagnia, alcune delle quali in abiti civili, risultate fondamentali per l’individuazione del falso tassista. Complessivamente sono state 157 le persone controllate e 72 le autovetture e svariate contravvenzioni al Codice della Strada elevate.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136