Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Spaccio ad Arco e Riva del Garda: un arresto e un denunciato dai carabinieri

martedì, 1 settembre 2020

Riva del Garda – Controlli antidroga dei carabinieri a Riva del Garda ed Arco (Trento): un arresto e un denunciato. Sequestrati 400 grammi di hashish. Continuano i controlli antidroga del Comando Provinciale dei Carabinieri di Trento nonostante la stagione estiva sta volgendo a termine.

carabinieri Riva 1Quasi 400 grammi di stupefacente sono stati sequestrati e due persone sono finite nei guai: una in stato di arresto e l’altra a piede libero. I carabinieri della Compagnia di Riva del Garda, con la collaborazione di unità cinofile della Guardia di Finanza di Trento, hanno effettuato diverse perquisizioni nei comuni di Riva del Garda ed Arco finalizzate al contrasto dello spaccio di stupefacenti, in particolare destinato al consumo fra la popolazione giovanile. Già giovedì scorso era stato rinvenuto un piccolo quantitativo di stupefacente, fra la strumentazione di una discoteca abusiva che era stata realizzata nei boschi di Arco.

Le perquisizioni sono iniziate all’alba e sono durate per tutta la mattinata. Al termine delle operazioni, due sono stati gli obbiettivi che hanno permesso il sequestro di stupefacenti.

Il primo, nel comune di Arco, in cui un ventenne del luogo è stato trovato in possesso di circa 80 grammi di hashish e alcuni grammi di marijuana, nascosti nella sua camera, in un armadio all’interno di un barattolo di latta. Viste le circostanze del rinvenimento il giovane è stato denunciato a piede libero per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Il secondo obiettivo, nel comune di Riva del Garda, in cui un rivano, 47enne, già noto alle forze dell’ordine, è stato trovato in possesso di circa 300 grammi di hashish divisa in ovuli. In questo caso l’uomo, probabilmente per paura che lo stupefacente fosse scoperto dai Carabinieri, ha cercato di evitare il loro ingresso in casa facendo quindi resistenza, non riuscendo però ad evitare la perquisizione, che per lui si è conclusa male.

Parte dello stupefacente è stato trovato in cucina, nel cesto del pane, ed il restante nella cantina, chiuso in uno scatolone riposto in uno scaffale, subito individuato dal cane antidroga appena aperta la porta di accesso al locale. Per tale motivo il soggetto è stato dunque arrestato sia per il possesso della sostanza stupefacente, sia per aver opposto una fattiva resistenza ai Carabinieri.

Tutto lo stupefacente è stato sottoposto a sequestro e sarà inviato al laboratorio di analisi dei Carabinieri di Laives per valutarne peso, dosi ricavabili e qualità. L’attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti, soprattutto ai danni del mondo giovanile, rimane obiettivo primario da parte dei Carabinieri del Trentino e proseguirà sempre senza soluzioni di continuità.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136