Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Riva del Garda, 50enne denunciato dalla Polizia di Stato per atti osceni

giovedì, 4 giugno 2020

Riva del Garda – Denunciato dagli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Riva del Garda (Trento) un 50enne.  Continuano i controlli della Polizia di Stato disposti dal questore di Trento, Claudio Cracovia, per far rispettare le misure emanate dal Governo per contrastare la diffusione del coronavirus.

poliziaA Riva del Garda la Squadra Volante del Commissariato di Polizia di Stato ha denunciato per atti osceni in luogo pubblico uno straniero 50enne. Il personale del Commissariato di Riva del Garda, verso le 16.20 di domenica, durante i controlli dei parchi e delle spiagge del lago, veniva richiamato da una donna che poco prima aveva sorpreso un uomo mentre si stava masturbando.

Lo straniero, residente da anni in un comune del basso Garda, aveva scelto una panchina di fronte ad alcune ragazze, che vista la bella giornata si erano distese al sole per l’abbronzatura estiva. Una volta seduto, sicuro di essere visto dalle persone di fronte a lui, aveva iniziato a masturbarsi. Le ragazze, pur sorprese dalle pratiche e dall’atteggiamento disinvolto dell’uomo, erano riuscite, comunque, a filmare con il telefonino quanto stava accadendo e nel frattempo ad avvisare gli agenti in servizio proprio lungo le rive del lago.

L’immediato intervento degli agenti poneva fine all’indecente esibizione dell’uomo, che veniva accompagnato dalla Volante al Commissariato della Polizia di Stato, dove veniva sottoposto ai rilievi fotodattiloscopici e segnalato all’autorità giudiziaria per violazione dell’articolo 527 del codice penale.

 di A. Pa.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136