Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Recuperati tre giovani sulla ferrata Catinaccio d’Antermoia

sabato, 6 giugno 2020

Pozza di Fassa – Il Soccorso Alpino Trentino è intervenuto sulla ferrata Catinaccio d’Antermoia, in Val di Fassa, per recuperare tre altoatesini incrodati a una quota di circa 2.900. I tre ragazzi hanno chiamato il Numero Unico per le Emergenze 112 verso nel pomeriggio perché non erano più in grado di proseguire autonomamente a causa della presenza di neve in quota.

soccorso alpino cnsasIl coordinatore dell’area operativa Trentino settentrionale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero che, in un primo momento, a causa della nebbia, non ha potuto raggiungere i tre ragazzi. Sono stati quindi fatti imbarcare a bordo due operatori della Stazione Centro Fassa, pronti in piazzola a Pozza di Fassa (Trento).

I due soccorritori sono stati fatti sbarcare a una quota di circa 2.700 ed hanno raggiunto a piedi i tre malcapitati. Hanno quindi attrezzato delle calate di corda per discendere il canalone innevato fino a raggiungere una cengia dove è stato possibile il recupero con l’elicottero. I tre ragazzi sono stati elitrasportati a Pozza di Fassa incolumi. Per loro non è stato necessario il ricovero in ospedale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136