QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Prosegue la campagna itinerante sui pericoli della Rete: arriva a Trento il “Truck” della Polizia Postale

martedì, 28 febbraio 2017

Trento – Al cyberbullismo si può e si deve reagire “denunciando” l’abuso subito e gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni, con le loro elevate competenze, potranno fornire un utile sostegno.

È questo il messaggio dell’iniziativa che porta a Trento l’1 marzo 2017 in piazza Dante, dalle ore 08.30 fino alle ore 13.30, il “Truck” della Polizia di Stato. Prosegue in questo modo sul territorio nazionale la campagna itinerante denominata “Una Vita da Social”, realizzata dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e con il Patrocinio dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della Rete per i minori.

Alla manifestazione parteciperà, in qualità di testimonial dell’evento, Filippo Baldi Rossi da quattro stagioni presente nelle fila della Aquila Basket Trento – Dolomiti Energia Trentino – nel ruolo di “ala/centro”.

Detto campione è stato selezionato dalla Gazzetta dello Sport, unitamente ad altri sette atleti di squadre Italiane, per prendere parte alla gara conosciuta con il nome di Three Point Contest tenutasi il 19 febbraio 2017 al Polo Fieristico di Rimini risultandone vincitore.

Una Vita da Social è un progetto indirizzato fondamentalmente ai giovani che sono i principali fruitori della Rete. L’obiettivo è diffondere un uso corretto dei socialnetwork tra i ragazzi e prevenire episodi di violenza, prevaricazione, persecuzione, diffamazione e molestie attraverso un’opera di responsabilizzazione.

Gli studenti delle scuole dell’Istituto Comprensivo Pergine 1 e le scuole Steineriane Trento ed i ragazzi dell’Anffas Trentino Onlus, che aderiscono al “Progetto Lavorativo Per.La”, invitate a partecipare potranno lanciare il loro messaggio positivo attraverso il diario di bordo 2.0. Infatti, grazie alla collaborazione con Baci Perugina, da sempre messaggero d’amore, nasce #unaparolaeunbacio, l’hashtag per dire no al cyberbullismo documentando le tappe di “Una Vita da Social” attraverso la condivisione di foto e frasi di tutti gli studenti coinvolti. Le frasi più belle verranno premiate da baci Perugina.

Agli specialisti della Polizia Postale e delle Comunicazioni i ragazzi potranno rivolgere domande e curiosità e chiedere consigli per non cadere nelle insidie della rete e dei social.

Le iniziative della Polizia di Stato non si fermano a quella del 1° di marzo. Nel corso del presente anno scolastico la Polizia delle Comunicazioni ha effettuato numerosi incontri nelle scuole ai quali hanno preso parte circa 4.000 ragazzi e 500 insegnanti e sono in programma altri 35 incontri che avranno termine nel mese di maggio.

Nello stesso arco di tempo sono stati inoltre organizzati incontri per informare i genitori sulle problematiche relative al cyberbullismo ed all’annosa questione sulle dipendenze dai social e dai nuovi dispositivi informatici (smartphone). Anche in tali occasioni la presenza è stata rilevante in quanto hanno partecipato 500 persone.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136