Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Laives, i carabinieri arrestano ricercato tunisino

venerdì, 24 luglio 2020

Laives – Tunisino ricercato arrestato dai carabinieri: i militari della Stazione Carabinieri di Laives hanno rintracciato e arrestato un tunisino che doveva scontare nove mesi di carcere.

112 carabinieri largeI militari della Stazione erano impegnati in un servizio di pattuglia quando hanno notato un soggetto che assomigliava a un ex residente del comune della bassa atesina che da fine 2019 era ricercato per una condanna del Tribunale di Bolzano. Il soggetto aveva fatto perdere le proprie tracce da anni. Probabilmente era rientrato in Tunisia.

Una volta fermatolo hanno visto che era proprio lui. Si tratta di un tunisino di 57 anni disoccupato e senza fissa dimora. L’uomo, oltre ad avere alcuni precedenti per reati contro la persona, era destinatario di un ordine di carcerazione per violazione degli obblighi di assistenza familiare e deve scontare nove mesi di reclusione.

È stato portato in caserma e dichiarato in stato di arresto. Dopo il rituale rilievo foto-dattiloscopico, è stato accompagnato al carcere di Bolzano.

ARRESTO A SARENTINO

I militari della Stazione di Sarentino (Bolzano) hanno arrestato un residente di origine austriaca per l’esecuzione di una pena per reati contro il patrimonio.

L’uomo, tra i vari precedenti penali contro il patrimonio, aveva rubato e utilizzato una carta di credito a una turista straniera nel 2013. La giustizia poi lo aveva condannato nel 2016 sia per tale furto e utilizzo indebito di mezzi di pagamento che per altri furti.

nel 2019 poi era stato affidato in prova ai servizi sociali con diverse prescrizioni da rispettare sugli orari e sul comportamento da tenere. I carabinieri di Sarentino nel tempo hanno riferito diverse violazioni delle prescrizioni al Tribunale di Bolzano che poi ha revocato il beneficio concesso disponendo l’arresto.

I militari della caserma di Sarentino sono quindi andati a prenderlo e lo hanno arrestato. Ora il 38enne dovrà scontare la pena rimanente nel carcere di Bolzano per un anno ancora circa di reclusione.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136