Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Inseguimento sulla Gardesana, la Polizia Stradale arresta ladro d’auto

sabato, 9 maggio 2020

Riva del Garda – Inseguimento sulla Gardesana, la Polizia Stradale di Riva del Garda arresta ladro d’auto.

polizia stradale controlliNella notte una pattuglia del Distaccamento Polizia Stradale di Riva del Garda ha notato transitare sulla Strada Statale 240 un’autovettura Audi A3 che procedeva verso Torbole a forte velocità e con i fari spenti. Immediatamente la pattuglia si poneva all’inseguimento e nel breve raggiungeva l’auto e, anche per mezzo dei dispositivi di allarme visivi e acustici, intimava al conducente a fermarsi. L’autista del mezzo, incurante dei chiari segnali della pattuglia, tentava di sottrarsi al controllo di polizia aumentando vistosamente velocità con una serie di manovre pericolose. A quel punto, la sala operativa, allertava le pattuglie del Commissariato e dell’Arma dei Carabinieri presenti sul territorio al fine di bloccare la corsa dell’auto.

Dopo un inseguimento durato circa 20 minuti, terminato nel territorio del Comune di Limone sul Garda, gli Agenti sono riusciti a bloccare il veicolo alla cui guida si trovava un ragazzo di 19 anni, di origini straniere e residente a Riva del Garda. L’uomo, che poco prima aveva rubato l’autovettura che era parcheggiata in un piazzale privato chiuso in Riva del Garda, ha ammesso i fatti riconoscendo il furto dell’auto.

In considerazione, quindi, deli reati commessi e vista la flagranza la Polizia Stradale ha arrestato il giovane per i reati di furto in abitazione, resistenza a pubblico ufficiale e inosservanza degli ordini dell’Autorità. Lo straniero, peraltro, accompagnato presso gli Uffici di Polizia, è risultato non aver mai conseguito la patente di guida e pertanto sono state contestate violazioni al Codice della Strada per un totale di circa 5.500 euro oltre, ovviamente, alla sanzione di 533 euro, per non aver rispettato le limitazioni imposte del D.C.P.M. e dell’Ordinanza della Provincia Autonoma per il COVID – 19 in quanto circolava senza giustificato motivo. Al termine della attività di polizia giudiziaria l’auto veniva riconsegnata alla proprietaria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136