Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Gran lavoro del Soccorso Alpino e 118 in Valtellina e Valchiavenna

lunedì, 20 luglio 2020

Chiesa in Valmalenco – Gran lavoro del Soccorso alpino e del 118 in Valtellina e Valchiavenna. La VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna del Cnsas è stata impegnata nella giornata festiva in diversi interventi. In Valmalenco allertamento per un malore al rifugio Porro, sul posto l’elisoccorso; una donna di 45 anni è caduta sul sentiero nei pressi del rifugio Cristina. Due interventi anche in Valmasino: il primo per un uomo di 59 anni in difficoltà sul sentiero, sulla sinistra orografica della Val di Mello, le squadre del Soccorso Alpino l’hanno raggiunto, imbarellato e portato per circa 200 metri fino all’ambulanza. Sul posto anche i vigili del fuoco. Il secondo in Val Codera, al Trecciolino, è intervenuto l’elisoccorso di Sondrio per un ciclista di 52 anni, tre tecnici erano pronti in base a supporto.

Cnsas - elisoccorso 1A Madesimo soccorso un ragazzo di 21 anni che si è infortunato sulla pista di downhill che scende verso la valle del Groppera fino a Madesimo; è caduto e si è fatto male a una spalla, non riusciva a proseguire. Cinque tecnici della stazione di Madesimo e il Sagf – Soccorso alpino Guardia di finanza lo hanno raggiunto, immobilizzato, imbarellato e portato fino alla carrozzabile, dove c’era l’ambulanza. Due ragazzi bergamaschi, 21 anni lei e 25 anni lui, nella zona del rifugio Allievi-Punta Spigolo Gervasutti, a circa 2900 metri di quota, sono stati recuperati in parete, perché non riuscivano più a scendere. Sul posto l’elisoccorso da Como e le squadre del Soccorso alpino; una volta individuati, li hanno raggiunti e recuperati con il verricello.

Altri interventi per la stazione di Morbegno: uno per una donna di 86 anni che ha avuto un malore in baita, nel comune di Rasura; l’hanno raggiunta, imbarellata e portata all’ambulanza, l’altro per una donna che si è fratturata una caviglia nella zona del lago Rotondo, comune di Gerola Alta, a quota 2400. Le squadre sono salite con la funivia dell’Enel, poi la donna è stata recuperata dall’elisoccorso di Bergamo; nel frattempo, allertamento per una signora caduta in una baita, nel comune di Cosio Valtellino; i tecnici del Cnsas sono arrivati sul posto con i Vigili del fuoco e la Croce Rossa. L’hanno imbarellata e portata all’ambulanza ed è stata ricoverata in ospedale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136