Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Desenzano, posto sotto sequestro ristorante: i retroscena

sabato, 30 maggio 2020

Desenzano del Garda – Sparò a un ex dipendente per questioni salariali, le indagini svelano un’intestazione fittizia. Sequestrato un ristorante di Desenzano del Garda (Brescia).

Carabinieri Desenzano 10Il 19 maggio dello scorso anno, all’ora di pranzo e con il locale affollato di avventori al culmine di un acceso diverbio un pregiudicato di origine calabrese aveva sparato al suo ex dipendente, reo di avere chiesto alcuni arretrati non ancora corrisposti, ferendolo ad una gamba.

Si era quindi allontanato in compagnia di un amico per poi tornare sul luogo del delitto dove si consegnava ai carabinieri senza opporre alcuna resistenza.

Le indagini non si fermavano con l’arresto; gli approfondimenti del Nucleo investigativo con il coordinamento della D.D.A. della procura della Repubblica di Brescia consentivano di acclarare che il ristorante, teatro della sparatoria, benché formalmente intestato alla ex moglie dell’uomo in realtà era riconducibile al pregiudicato stesso.

Per tale motivo veniva richiesto al Gip del tribunale di Brescia l’emissione un provvedimento di sequestro preventivo delle quote societarie e delle licenze e dei materiali per la conduzione dell’attività di ristorazione, il cui valore veniva stimato in 250mila euro, in quanto fittiziamente intestata. Il decreto è stato eseguito oggi con l’apposizione dei sigilli.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136