Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Bolzano, la Squadra Volante salva una bambina che rischiava di annegare nell’Isarco

giovedì, 9 luglio 2020

Bolzano – Bolzano, la Squadra Volante salva una bambina che rischiava di annegare nell’Isarco. Nella prima mattinata odierna si sono vissuti momenti di tensione e di paura, poi fortunatamente superati nel capoluogo altoatesino.

bzAlla Sala Operativa della Questura è arrivata la chiamata di un padre disperato, perché la propria figlia di otto anni, colpita da autismo, nel momento in cui lui era impegnato in una breve faccenda domestica, si era allontanata dall’abitazione ed era scomparsa.

Venivano subito diramate le ricerche, coinvolgendo tutte le Forze di Polizia e gli altri soggetti pubblici rientranti nell’apposito piano per scomparsi. Alcuni equipaggi della Squadra Volante e diversi operatori dell’Ufficio Minori della Questura si portavano presso il palazzo ove si trova l’appartamento abitato dalla bambina e nelle aree limitrofe, iniziando a setacciarle.

Inoltre, visto che il padre aveva dichiarato che la figlia nutre una passione per gli spostamenti in bus, venivano controllati alcuni mezzi pubblici, le cui fermate sono posizionate davanti al predetto edificio di residenza, ipotizzando appunto che la piccola potesse essere salita su uno di questi ed arrivata in un’altra zona della città.

Dopo circa tre ore di ricerche, gli operatori di una Volante riuscivano ad individuare la bimba, che si trovava però in una situazione di pericolo: era infatti entrata nelle acque del fiume Isarco che le erano già arrivate fino all’altezza della vita.

L’equipaggio, sceso dall’auto di servizio e preoccupato perché resosi conto che un minimo passo falso poteva far divenire la piccola preda della corrente , iniziava a parlarle per attirare la sua attenzione e rassicurarla. Poi, molto rapidamente, la raggiungeva nel fiume e l’operatrice capo pattuglia la afferrava e la prendeva in braccio. Portata a riva, la bimba veniva asciugata ed avvolta nella coperta termica. Superata la tensione, per la capo pattuglia, madre di due bambini, c’era spazio  per un naturale momento di commozione, quando la piccola, felice anche per essere salita a bordo di un’auto della Polizia che l’aveva ricondotta tra le braccia del padre, pronunciava un bellissimo “grazie”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136