Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Assembramenti e mancanza di strumenti di misurazione della temperatura: riunione del CPOSP, la situazione in provincia di Sondrio

martedì, 19 maggio 2020

Sondrio – Oggi il prefetto di Sondrio, Salvatore Pasquariello, ha riunito in videoconferenza il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, alla presenza dei rappresentanti del territorio.

comune di sondrioOltre al punto della situazione sull’emergenza sanitaria Covid-19 e relativi decreti, ordinanze e Dpcm, è stato reso noto che circa il 52% dei test sierologici effettuati risultano positivi e, di questi, solo il 20% risultano positivi al tampone. Secondo le linee guida della Regione Lombardia, a breve saranno sottoposti a test sierologico le Forze dell’Ordine, i Vigili del Fuoco e i dipendenti delle Dogane; in un secondo momento anche altre categorie di lavoratori.

Altro argomento trattato nel corso della riunione è stato quello relativo alle prescrizioni dell’ordinanza della Regione Lombardia che raccomandano ai gestori delle attività di ristorazione di misurare la temperatura dei clienti rendendola obbligatoria per quelli che consumano al tavolo. In considerazione della difficoltà attuale e provvisoria per gli esercizi commerciali di dotarsi di strumenti idonei per la rilevazione della temperatura corporea, che risultano in vendita solo in minime quantità, si è convenuto sia di sensibilizzare i cittadini ad adoperare possibilmente termometri personali, sia di interessare la Regione Lombardia affinchè fornisca precisazioni in proposito.

E’ stata affrontata inoltre la problematica posta da alcuni sindaci relativamente alle aree pubbliche, in particolare parchi e sentieri, che risultano affollati da persone talvolta non munite di mascherine, oppure non posizionate a distanza di minimo un metro l’una dall’altra. In proposito si è convenuto di potenziare i controlli in questa specifica direzione.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136