Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Anterselva, carabinieri denunciano albergatore per aver tenuto ospiti abusivamente

sabato, 16 maggio 2020

Anterselva – Ha ospitato abusivamente turisti a marzo, denunciato albergatore della valle di Anterselva (Bolzano). I militari della Stazione Carabinieri di Anterselva hanno denunciato a piede libro un albergatore del luogo poiché nel mese di marzo – vigente peraltro il divieto di ospitare persone da fuori provincia – aveva ospitato una coppia di padovani senza comunicare nulla all’autorità di pubblica sicurezza.

anterselva carabinieri alto adige estateL’articolo 109 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza prevede che “i gestori di esercizi alberghieri … entro le ventiquattr’ore successive all’arrivo … comunicano … le generalità delle persone alloggiate” all’autorità di pubblica sicurezza. Peraltro da diversi anni le strutture ricettive possono trasmettere i dati telematicamente, grosso vantaggio in considerazione del fatto che un tempo dovevano compilare delle schedine di carta copiativa e portarle all’ufficio di pubblica sicurezza più vicino che spesso, nelle località più periferiche, poteva essere solo la stazione carabinieri.

L’obbligo, qualora non rispettato, prevede una sanzione penale, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a 206 euro.

I carabinieri di Anterselva, verso fine marzo, hanno notato due persone a passeggio per la valle. Fermati e identificati, i due si son rivelati essere due turisti padovani che non potevano essere lì in quanto vietato dalle norme in vigore per il contenimento della epidemia “Covid-19”. I due ovviamente sono stati sanzionati per la violazione di dette norme in quanto ben lontani dal comune di residenza.

Ma i carabinieri non si sono fermati lì e – raccolte le dichiarazioni dei due padovani – hanno approfondito la ricerca di dove fossero alloggiati. Infatti anche dare alloggio a persone presenti per finalità diverse dal lavoro e/o altre consentite era vietato dalle disposizioni anti-Covid.

I militari dell’Arma hanno quindi scoperto che i due veneti erano alloggiati in un affittacamere di Rasun e hanno rintracciato il proprietario applicandogli la sanzione amministrativa di 288 euro prevista dalla legge provinciale n. 58 del 1988 per aver attivato l’esercizio al di fuori del periodo di apertura fissato nella licenza. Hanno quindi verificato de avesse fatto le previste comunicazioni degli alloggiati scoprendo che non aveva – probabilmente per non farsi scoprire che aveva ospiti nel periodo di chiusura – comunicato le presenze dei due padovani. È stato quindi denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Bolzano per la violazione del citato testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Un comportamento poco corretto, specie nei confronti di tutti quegli albergatori costretti a stare chiusi, che lui ha danneggiato ulteriormente con la sua concorrenza sleale. Rimane ai Carabinieri da verificare se e in che modo il sessantaduenne pusterese sia stato pagato dai due turisti “fuorisede” e se quindi debba o meno essere segnalato anche alla Guardia di Finanza per ulteriori approfondimenti fiscali.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136