Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Altro furto con tecnica dell’abbraccio: la Polizia di Brescia arresta due donne

giovedì, 9 luglio 2020

Brescia – La tecnica utilizzata è sempre la stessa: sono donne che si avvicinano ad un uomo e abbracciandolo cercano di sottrarre orologi, telefonini ed oggetti di valore. Solitamente la sottrazione avviene senza violenza ma con la sola destrezza ed abilità delle donne che abilmente sfilano alle vittime l’orologio o altri oggetti di valore senza che queste se ne accorgano immediatamente, ma fortunatamente in questa situazione il derubato è riuscito subito a dare l’allarme.

Nel primo pomeriggio di martedì nella zona di via Solferino, il personale della squadra volante ha arrestato due donne resisi responsabili del reato di furto aggravato. Gli agenti sono intervenuti in soccorso ad un uomo che, in strada, si agitava facendo presente di aver subito il furto del proprio cellulare ed il tentato furto del proprio Rolex da parte di due donne che si stavano dando alla fuga.

polizia bresciaI poliziotti si sono immediatamente messi all’inseguimento delle donne raggiungendo inizialmente la prima fermandola e successivamente posti all’inseguimento dell’altra riuscivano a bloccarla. Le due donne, di 30 e 25 anni, si sono dimostrate  poco collaboranti per cui sul posto sono giunte altre due volanti in ausilio.

Entrambe le donne avevano numerosi precedenti per reati analoghi, commessi negli ultimi anni, inoltre una delle due, a seguito di accertamenti, risultava latitante per una precedente condanna alla pena di due anni. Nella direttissima di mercoledì mattina il giudice ha confermato gli arresti ed entrambe sono state condannate ad un anno e due mesi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136