QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Comunità delle Giudicarie, Intervento 19: al via i progetti a favore del territorio

martedì, 29 aprile 2014

Madonna di Campiglio - Ai 24 lavoratori assunti nel progetto gestito dalla Comunità delle Giudicarie in collaborazione con i Comuni della Busa di Tione e della Val Rendena, quest’anno saranno affiancati altri operai grazie al fondo straordinario per l’occupazione attivato dalla Comunità.SAM_3323

Martedì 22 aprile hanno avuto inizio i lavori relativi all’Intervento 19 (ex Azione 10) per l’impiego di soggetti deboli in iniziative di utilità collettiva, in base ad un progetto attivato dalla Comunità delle Giudicarie in collaborazione con i Comuni della Busa di Tione e della Bassa Val Rendena, approvato in via preliminare da parte dell’Agenzia del Lavoro.

Un impegno preso dalla Comunità di Valle con Comuni e Agenzia del Lavoro per salvaguardare i soggetti deboli valorizzandone la loro azione. In un contesto di crisi come quello in cui ci troviamo diventa ancora più urgente cercare di rendere utile il lavoro di ciascun individuo e di trovare delle soluzioni alle istanze che provengono dai cittadini Giudicariesi: con questa iniziativa si riesce a coniugare la necessità di dare prospettive lavorative a categorie sensibili con l’opportunità di realizzare opere di tipo ambientale qualificanti per il nostro territorio.

Crisi che ha messo ancora una volta in luce la difficoltà per alcune categorie di reinserirsi in un contesto lavorativo sempre più difficile, in cui la ricerca della competitività e della massima produttività diventa un fattore di sopravvivenza in un mercato spietato che rende ancora più ostico l’inserimento di alcune fasce di popolazione; crisi che si manifesta in tutta la sua entità nell’aumento degli iscritti alle liste di Intervento 19, passati dai 204 del 2012, ai 265 del 2013 e addirittura ai 300 del 2014. Un segnale che fotografa bene lo stato di difficoltà e il momento estremamente delicato per l’economia anche delle nostre valli, che hanno visto chiudere molte realtà produttive e che vedono soffrire interi comparti economici a partire da quelli legati al settore delle costruzioni per arrivare a quelli dell’industria.

Per l’anno in corso la Comunità delle Giudicarie ha affidato alla Cooperativa Lavoro con sede operativa in Zuclo l’attuazione del progetto di intervento, che prevede l’assunzione di 24 lavoratori disoccupati per 6 mesi e mezzo, suddivisi in quattro squadre comunali impegnate nei comuni di Bondo-Breguzzo, Bolbeno-Zuclo-Ragoli-Montagne, Tione-Preore e Villa Rendena-Pelugo.

Questi lavoratori sono stati affiancati da una decina di operai inseriti grazie al fondo straordinario per l’occupazione attivato dalla Comunità, che complessivamente ha consentito di inserire una cinquantina di lavoratori nelle squadre gestite dai Comuni nell’ambito di tutto il territorio giudicariese.

Quello dell’Intervento 19 è un progetto che annualmente riprende progetti per lavori socialmente utili, in considerazione del fatto che solamente in tale ambito è possibile organizzare squadre di lavoratori in modo da permettere una positiva integrazione dei soggetti svantaggiati. Questo consente ai Comuni di occuparsi anche di quegli aspetti dell’arredo urbano che altrimenti potrebbero rimanere trascurati: ne è prova il fatto che da diverso tempo i nostri paesi possiedono un “biglietto da visita” migliore rispetto al passato, senza dimenticare l’opportunità data ai lavoratori di potersi inserire, sia pure per un periodo ridotto, nel mondo del lavoro. Inoltre quest’anno, con l’intervento straordinario voluto dalla Comunità, si è cercato di dare un po’ di sollievo alle molte famiglie di lavoratori giudicariesi per le quali la crisi di questi anni ha contribuito a minarne la sicurezza occupazionale ed economica.

Così per l’abbellimento urbano e rurale dei Comuni, per la tutela delle aree verdi ed i collegamenti pedonali esistenti, che comportano lavori di pulizia e sistemazione in generale, verranno impiegati disoccupati non più giovanissimi o di lungo periodo, invalidi, persone in difficoltà occupazionale in quanto soggette a processi di emarginazione sociale o portatrici di handicap. Per il progetto Intervento 19 per l’anno 2014 la spesa complessiva è di circa 252.000 Euro (IVA inclusa), coperta per il 70% dall’Agenzia del Lavoro e per la rimanente quota dai Comuni interessati.

SPECIFICHE DEL PROGETTO

I lavoratori coinvolti nei progetti relativi all’Intervento 19 attuati dagli enti pubblici in Giudicarie, vengono impiegati in base ad un’apposita lista predisposta dal Centro per l’Impiego di Tione ed approvata dall’Agenzia del Lavoro nel mese di gennaio di ogni anno. I soggetti interessati devono iscriversi entro il 31 dicembre dell’anno precedente, mentre per i ritardatari è prevista l’opportunità di effettuare l’iscrizione entro il 31 marzo successivo.

Per quanto riguarda l’anno in corso, i lavoratori della prima lista iscritti all’Intervento 19 sono n. 300, 35 in più rispetto allo scorso anno e addirittura quasi un centinaio in più rispetto al 2012, ai quali si aggiungono una ventina di unità che si sono iscritti entro il 31 marzo; sono numeri significativi della crisi occupazionale tuttora esistente e che si è abbattuta particolarmente sulle categorie sociali più deboli e sulle lavoratrici.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136