Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


UniTrento/HIT – ICT Days Summer Camp: ecco i quattro team vincitori

giovedì, 12 settembre 2019

Trento – Giovani talenti del datascience premiati al Clab di Piazza Fiera a Trento per la seconda edizione dell’iniziativa ICT Days Summer Camp, il percorso di alternanza scuola-lavoro dedicato alle professioni del futuro e promosso dal Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione dell’Università di Trento, in collaborazione con Hub Innovazione Trentino, l’Agenzia del Lavoro della Provincia autonoma di Trento e la rete STAAR. Partner dell’evento le aziende Engineering, Spazio Dati, Thinkinside, U-Hopper. Una settimana intensa di lavoro, creatività e analisi di casi aziendali iniziata lo scorso 3 settembre per una cinquantina tra studenti e studentesse delle classi terze, quarte e quinte degli istituti superiori del Trentino, che si è chiusa con le premiazioni dei team migliori. Quattro le sfide (“challenge”) poste da altrettante aziende del territorio: casi concreti su cui mettere alla prova la capacità di risoluzione problemi, la creatività e l’abilità informatica dei partecipanti. Foto ©GiovanniCavulli per UniTrento.

teamA vincere la seconda edizione sono stati il team BusBoss per la sfida “Real Time Transport” lanciata da U-Hopper; il SecurityTeam per la sfida “A prova di hacker” lanciata da SpazioDati, il team WorkInProgress per la sfida “Lavoro 4.0″ lanciata da Trentino Lavoro, pagina di Agenzia del Lavoro in collaborazione con Engineering, Wonderparks per la challenge “RiParco da Trento” lanciata dal progetto ICE Università di Trento. Menzioni speciali sono state poi assegnate dalla giuria anche alla presentazione più efficace, quella del team GGroup, al miglior lavoro di gruppo al team Hubus. Per quanto riguarda invece l’aspetto tecnico, la miglior demo sviluppata è stata quella del Security Team, il report tecnico più completo quello del gruppo BusBoss, mentre il premio per l’utilizzo più creativo di dati e strumenti va al team WorkInProgress.

Scopo dell’iniziativa, avvicinare studenti e studentesse delle scuole superiori alle professioni del futuro che saranno sempre più caratterizzate da una richiesta di profili qualificati nell’ambito dell’informatica e delle tecnologie dell’Informazione e della comunicazione. Non solo ingegneria dei software, però, le professioni informatiche del futuro richiederanno abilità trasversali. Sarà importante saper coniugare conoscenze e competenze di ambiti diversi: dall’economia alla sociologia, dalle scienze all’ingegneria. Con queste premesse è stato disegnato il percorso di alternanza scuola-lavoro proposto dal DISI per il secondo anno consecutivi. Ai ragazzi e alle ragazze è stato proposto di lavorare in gruppo su casi concreti, integrando elementi di programmazione (analisi statistica, data mining, machine learning, calcolo distribuito) a competenze trasversali come il problem solving e la capacità di comunicazione. Compito dei partecipanti era quello di progettare e realizzare un’attività di analisi dei dati raccolti dalle varie aziende. Gli studenti hanno progettato l’intero flusso informativo, lavorando insieme per 40 ore, con momenti di formazione, analisi dei dati, incontro con i rappresentanti delle aziende e attività di gruppo sotto la guida di mentor ed esperti.

Data Science. Il termine è stato coniato nel 2001. Oggi indica un vasto spettro di competenze quali l’analisi statistica, il data mining, il machine learning, il calcolo distribuito. Secondo un report di Linkedin del 2017, le competenze di Data Science sono fra quelle più richieste nel mercato del lavoro globale. Le soluzioni hardware, software e i servizi professionali di raccolta, gestione e analisi dei dati, stima Sns Research, muovono oggi un mercato da oltre 57 miliardi di dollari che è destinato a superare i 70 miliardi nel 2020. Un’espansione che sta coinvolgendo sempre più aziende, a prescindere dal settore e dalla dimensione. Ed è proprio questo boom dei big data che sta facendo impennare la richiesta di professionisti in grado di dare ordine, logica e senso alle informazioni.

I partner
Engineering è tra i principali attori della trasformazione digitale di aziende e organizzazioni pubbliche e private, con un’offerta innovativa per i principali segmenti di mercato. Con circa 11.000 professionisti in 65 sedi (in Italia, Belgio, Germania, Norvegia, Repubblica di Serbia, Spagna, Svezia, Svizzera, Argentina, Brasile e Usa), il Gruppo Engineering disegna, sviluppa e gestisce soluzioni innovative per le aree di business in cui la digitalizzazione genera i maggiori cambiamenti, tra cui Digital Finance, Smart Government & E-Health, Augmented City, Digital Industry, Smart Energy & Utilities, Digital Telco & Multimedia. Il Gruppo con le sue attività contribuisce a modernizzare il mondo in cui viviamo e lavoriamo, combinando competenze specialistiche nelle tecnologie di ultima frontiera, infrastrutture tecnologiche organizzate in un modello unico di multicloud ibrido, capacità di interpretazione dei nuovi modelli di business. Con importanti investimenti in R&D, Engineering svolge un ruolo di primo piano nella ricerca, coordinando progetti nazionali e internazionali grazie a un team di 420 ricercatori e data scientist e a una rete di partner scientifici e universitari in tutta Europa. Asset strategico del Gruppo è il know-how dei suoi dipendenti al cui sviluppo ha dedicato una Scuola di formazione multidisciplinare che nell’ultimo anno ha erogato oltre 21.000 giornate di formazione. Informazioni su: www.eng.it
Spazio Dati – SpazioDati studia tecnologie Big Data e Semantic Web per costruire diagrammi della conoscenza e applicativi che mostrino i dati e consentano analisi in tempo reale. Nasce come startup nel 2012: è la prima data curation company italiana. L’obiettivo iniziale è quello di creare un’applicazione in grado di mostrare dati raccolti e organizzati in grafici, iniziando con la ricerca stessa del dato iniziale. Tra i servizi offerti oggi da SpazioDati: mashup di dati con sorgenti esterne per creare nuove strade di analisi; supporto alle aziende per migliorare i processi di gestione dei dati, sviluppo di strategie e portali Open Data e molto altro. Spazio Dati si occupa anche di ricerca collaborando in diversi progetti dell’Unione Europea e non solo e crede fortemente nell’Open Source e Open Data. Ha creato Atoka, un database di 6 milioni di aziende e 13 milioni di contatti in cui trovare nuovi clienti e partner, selezionando e incrociando una grande mole di dati. SpazioDati ha sviluppato anche Dandelion, una Api di estrazione di analisi semantica per l’estrazione di nomi, concetti, entità in grado di funzionare anche su brevi frasi e in 5 diverse lingue. Info: https://spaziodati.eu/it/
Thinkinside - Fornisce analitiche e servizi evoluti per ambienti indoor come negozi e aziende manufatturiere. ThinkINside opera nel campo delle Indoor Analytics. L’azienda monitora e analizza i movimenti di clienti e merci in tempo reale e converte i dati in KPI. Questi KPI possono essere utilizzati per definire azioni per aumentare l’efficienza dei processi e migliorare l’esperienza di acquisto. Info: https://thinkin.io/
U-Hopper - Amiamo definirci un “Data Intelligence Lab”, nato nel 2010 dall’intuito imprenditoriale e dalla passione per il mondo dei dati e della tecnologia digitale che accomuna i nostri soci fondatori. Partiti come start up del centro di ricerca internazionale FBK/CREATE-NET, abbiamo visto crescere esponenzialmente il nostro business, anche grazie ai numerosi e più svariati progetti sviluppati negli anni. Ma non parliamo solo di competenze, anche il team si è allargato rapidamente. Dopo l’esperienza di successo di Thinkinside (spin-off operativa dal 2015 nel mondo indoor tracking), che ha assorbito gran parte delle risorse, la nostra squadra è cresciuta e si è ristrutturata, arrivando a contare oggi quattordici collaboratori. In U-Hopper amiamo e valorizziamo la diversità perché crediamo rappresenti una ricchezza. Diversi background di formazione, diversi percorsi di vita, diversi Paesi e una percentuale di quote rosa superiore alla media sono solo alcuni dei nostri punti di forza. Info: https://www.u-hopper.com/big-data-analytics/site/index/it



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136