Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, “We are the champions” il tema della terza edizione del Festival dello Sport

martedì, 28 gennaio 2020

Trento – Sarà intitolato ‘We are the champions’ e si terrà dall’8 all’11 ottobre 2020. Il Festival dello Sport, che l’anno scorso, alla sua seconda edizione ha portato a Trento oltre 350 ospiti, con 65mila presenze ai 140 eventi, tutti gratuiti, torna in autunno con la terza edizione, ancora più ricca con nuovi camp e nuove specialità sportive. Il Festival dello Sport è organizzato da La Gazzetta dello Sport e dal Trentino (Provincia Autonoma di Trento, Comune di Trento, Trentino Marketing, Apt di Trento), con il patrocinio del Coni e del Comitato italiano paralimpico.

festivalL’edizione 2020 è stata annunciata oggi al Muse di Trento in una conferenza stampa moderata da Giampaolo Pedrotti, capo Ufficio Stampa della Provincia a cui hanno partecipato: Maurizio Fugatti presidente Provincia autonoma di Trento, Francesco Carione direttore generale La Gazzetta dello Sport, Roberto Failoni assessore all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo Provincia autonoma di Trento, Alessandro Andreatta sindaco di Trento, Andrea Monti direttore La Gazzetta dello Sport, Maurizio Rossini Ceo Trentino Marketing, Gianni Valenti vicedirettore vicario La Gazzetta dello Sport e direttore scientifico Il Festival dello Sport, Massimo Bernardoni delegato Comitato italiano paralimpico Trento e Paola Mora presidente Coni Trento,

Spiega Gianni Valenti: “Per la terza edizione del Festival dello Sport abbiamo scelto il titolo iconico che riprende quello di un brano che tutti associamo alle grandi imprese sportive. Ma chi sono i campioni? Personaggi straordinari, singoli o squadre, che vincono, riuscendo ad eccellere su tutti gli altri. Atleti, allenatori, imprenditori e medici che lasciano o hanno lasciato una traccia con la loro specialità nell’ambito del mondo dorato dello sport. Ognuno degli ospiti che ci verrà a trovare a Trento avrà un’impresa da raccontare, delle emozioni da consegnare al meraviglioso pubblico di una kermesse che dopo solamente due anni è già diventata un piccolo grande fenomeno di cultura sportiva. Parleremo naturalmente di sport olimpici, a due mesi dalla chiusura dei giochi di Tokyo, del grande calcio, del pianeta dei motori e delle fantastiche imprese che ci regala la montagna”.

“La macchina organizzativa che sta dietro ad un evento come questo – ha evidenziato Maurizio Rossini – è davvero importante e coinvolge numerosi soggetti: il Comune, la Provincia, l’APT locale, le Forze dell’ordine e poi le istituzioni delle Sport come il Coni, il CIP, fino alle principali Federazioni e al mondo dell’Associazionismo sportivo. Un evento che diventa anche vetrina internazionale per tutto il territorio grazie all’ampia visibilità mediatica. Il grande gioco di squadra tra tutti gli attori del territorio e Gazzetta è il segreto vincente del successo di questo Festival”.

“Il Festival dello Sport ha dimostrato le grandi capacità organizzative del sistema Trentino – ha detto il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti – e con la terza edizione puntiamo a fare ancora meglio. E’ stata una sfida importante che ha saputo raccogliere l’entusiasmo, la passione ed il senso di unità del nostro territorio. Un’esperienza che ci sarà molto utile anche nel percorso che abbiamo intrapreso verso le Olimpiadi del 2026, per le quali, proprio venerdì, è prevista un’importante riunione con tutte le regioni interessate nella quale compiremo un ulteriore passo verso la costruzione della governance dell’evento olimpico”.

“Quello che mi ha fatto veramente impressione del Festival dello Sport – ha detto l’assessore Roberto Failoni – è vedere l’orgoglio dei trentini nel partecipare all’evento e nel collaborare con impegno per la sua riuscita. I numeri parlano chiaro sul successo della manifestazione, sapete quanto per noi siano importanti il connubio fra turismo e sport e la promozione dello sport fra i nostri giovani, temi che il Festival sa coniugare perfettamente”.

“La cultura dello sport e del record sono parte di noi” ha detto Francesco Carione, direttore generale della Gazzetta dello Sport. “Guardiamo alla terza edizione del Festival con la voglia di fare un passo ulteriore verso l’obiettivo di una crescente internazionalizzazione. Sono sicuro che grazie al bel gioco di squadra con il Trentino riusciremo a crescere ancora”.

“Per La Gazzetta dello Sport questo Festival è stato ed è un evento fondamentale”, ha detto il direttore Andrea Monti. “Non solo per il suo straordinario successo, ma soprattutto perché consente di vivere la dimensione dell’incontro. La condivisione con il pubblico fa esprimere al meglio i valori del giornale e del Festival: emozione e passione”.

“Uno dei meriti del Festival dello Sport – ha detto Alessandro Andreatta, sindaco di Trento – è stato quello di essere in un certo senso un “costruttore di comunità”. La prima edizione è stata una scommessa, vinta da subito, la seconda una conferma che è andata ben oltre le attese e la terza sarà il consolidamento con un ulteriore passo avanti. Il tutto reso possibile da un grande lavoro di squadra”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136